Frontiera n.5 / 2019

È più bello dare che ricevere! Tanti bimbi insieme al vescovo Domenico per la “Giornata del Dono” organizzata come ogni anno dal Centro Missionario Diocesano per tenere a mente che tanti altri bimbi nel mondo hanno poco, o nulla. Intorno al tema di quest’anno, la Creazione, hanno ruotato i coloratissimi travestimenti dei piccoli: foglie, alberi, animali e frutti in forma di bambino hanno riempito di allegria la basilica di Sant’Agostino consegnando piccoli doni per i coetanei più sfortunati.

Sempre del mondo dei bambini si parla nel resoconto della nostra visita all’asilo di via dei Tigli: un modo per scoprire da vicino il metodo educativo montessoriano seguito in ogni parte del mondo.

I più grandi invece, quelli del gruppo scout Rieti 2 Marco Tempesta, si sono cimentati in una sfida possibile a servizio dell’ambiente, ripulendo le pendici di Colle San Mauro dai rifiuti lasciati dall’inciviltà delle persone.

Tra le pagine di «Frontiera» di questa settimana un approfondio reportage sul dibattio organizzato a Palazzo Dosi da «Il Messaggero» con la Alessandro Rinaldi Foundation per raccogliere gli spunti della “rivoluzione gentile” proposta da monsignor Pompili nel suo utlimo Discorso alla Città. L’annosa questione del rimodernamento della Salaria, e poi la ferrovia, l’università, il turismo religioso e tante altre questioni riguardanti il nostro territorio sono state dibattute dai rappresentanti delle istituzioni presenti, al fine di procedere, finalmente, seguendo un’agenda condivisa e unitaria.

In coincidenza con la festa della Madonna di Lourdes, la Chiesa ha messo l’accento su coloro che si trovano ad affrontare problemi di salute, ed ha sostenuto coloro che li supportano. «Non basta donare, occorre donarsi»: la Giornata Mondiale del Malato come di consueto si è sviluppata in due momenti, al mattino nella cappella dell’ospedale e nel primo pomeriggio nella parrocchia di Regina Pacis.

Non manca l’ultimo saluto al giornalista Ottorino Pasquetti, sempre vicino al nostro giornale e alla vita di fede.

Rispondi