«Frontiera» n.5 / 2018

Impazza il Carnevale in provincia. Prima di entrare nel periodo della Quaresima, sono molte le frazioni e le parrocchie che hanno voluto organizzare sfilate di cari allegorici e feste in maschera. Così Monteleone, come Antrodoco e Quattro Strade.

Il numero di Frontiera di questa settimana si apre tuttavia con un tema ben più serio, il tema dell’immigrazione in tutte le sue declinazioni, a partire dal tragico spunto dei notti fatti di Macerata. Proseguono le finestre sulla politica in vista delle prossime elezioni, con le ufficializzazioni dei candidati reatini in lizza per Regione, Camera e Senato.

L’intervistato di questo numero è Don Sante Paoletti, vicario della zona pastorale dell’Alta Sabina e Valle del Turano, il quale ci fornisce un bilancio di un anno complicato a capo di una zona della diocesi decisamente spopolata ma densa di capitale umano. Altre comunità invece festeggiano le loro importanti giornate: Leonessa, colpita dal terremoto dell’estate 2016, non perde entusiasmo e speranza e porta in trionfo per le vie del paese il suo patrono San Giuseppe, e la comunità di Vazia è intenta a celebrare l’anniversario della dedicazione della chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Iniziano nel frattempo a palesarsi le iniziative per vivere appieno il tempo di Quaresima: le Quarantore di Terzone ma anche il ritiro spirituale di Greccio. Il Cicolano celebra con una mostra sulla Giornata della Memoria, e nella zona di Borgo San Pietro il fermento è già palpabile per la preparazione della solennità di Santa Filippa Mareri. Inoltre, il racconto della Giornata della Vita Consacrata in cui i religiosi hanno rinnovato in cattedrale la propria scelta, altre curiosità ed iniziative sul nostro territorio, senza tralasciare come ormai consuetudine le novità e gli eventi in ambito sportivo.

Rispondi