Frontiera n.17 / 2018

Si parla di lavoro su «Frontiera» di questa settimana, e non potrebbe essere altrimenti considerata l’appena trascorsa ricorrenza del primo maggio. La riflessione dell’editoriale parte dalla veglia di preghiera per i lavoratori tenuta nella chiesa di Sant’Agostino: pur considerando la complessità delle problematiche attuali, dal vescovo Domenico è arrivata l’esortazione a «non scoraggiarsi, evitare una chiusura verso gli altri e rinnovare l’impegno nell’affrontare la situazione uniti per il bene comune». Sempre nell’ottica della conoscenza delle realtà lavorative del territorio, le benedizioni pasquali in fabbrica sono arrivate a Borgorose, dove sono state incontrate tre realtà imprenditoriali locali. Le interviste ci permetteranno di conoscere meglio due religiosi che operano nella nostra diocesi: figure diversissime ma entrambe carismatiche, quella di suor Beatrice Martelli, storica dirigente scolastica dell’istituto Bambin Gesù di via Garibaldi, e Pietro Zych, monaco benedettino della comunità della Trasfigurazione di Terminillo con un passione sportiva alqualto originale. Intanto, l’Azione Cattolica prosegue con gli appuntamenti per coppie, famiglie e genitori, e Colli sul Velino è in pieno fermento per i grandi festeggiamenti messi in atto per i due secoli della costituzione della parrocchia. La Pastorale della Salute ha organizzato anche quest’anno presso la cappella dell’ospedale de Lellis la messa per la patrona degli infermieri: pochi sanno infatti che la reliquia di Sant’Agostina è custodita nel nosocomio cittadino. Notizie anche da altre zone pastorali, con la lectio per giovani di Castel di Tora, una bella iniziativa a Greccio sul cammino di Francesco, quello pensato per i piccoli al santuario de La Foresta e l’inaugurazione di un’icona a Nespolo. Dalle zone terremotate arriva un’iniziativa di stampo artistico: un’opera di arte sacra contemporanea è stata donata alle chiese di Amatrice, quale segnale di rinascita e continuità tra passato e presente. Ma sono molte le iniziative e le storie che arrivano dall’alto Lazio nell’ottica della ripresa di una vita il più possibile normale, come ad esempio la giornata di fraternità e sostegno trascorsa ad Illica di Accumoli, l’inaugurazione di una biblioteca e un confusionario raduno su due ruote che ha portato colore e allegria nelle zone colpite dal sisma. Questo e molto altro per scoprire meglio le attività e le iniziative della nostra diocesi.

Rispondi