Frontiera n.16 del 2015 è in edicola

Tra il vero e il falso” di Massimo Casciani

Atti di bullismo nei confronti di un giovane che non si può difendere da solo e l’aver dichiarato falsamente alle forze dell’ordine di essere stata violentata alla stazione sono le due notizie che hanno caratterizzato il nostro territorio nei giorni scorsi e che non sono altro che la cartina al tornasole del fallimento dell’educazione impartita dai genitori e dalla scuola.

Per riflettere:

  • Come consideri un atto di bullismo? Qualcosa da imitare perché rende delle persone d’onore e assai coraggiosi oppure nient’altro che l’immagine della vigliaccheria e della ipocrisia umana? Perché?
  • In classe o nel tuo gruppo di amici ti capita mai di vedere qualcuno preso in giro o emarginato? Cosa hai fatto o cosa fai?

Un’umanità straziata è ormai alle porte” di Carlo Cammoranesi

Il Mediterraneo da culla della civiltà sta divenendo sempre più un immenso cimitero. Dall’inizio del 2015 sono oltre 17mila i profughi pervenuti in Italia. Ma dovrebbero essere oltre 250mila i profughi che vogliono venire in Italia. Migranti e governi sono tutti in balia degli scafisti e l’Europa si è mostrata inadeguata ed impotente. L’Europa interessata più dei parametri economici che delle vite umane non si sta mostrando adeguata ad arginare questo problema.

Per riflettere:

  • L’arrivo di questi immigrati ci fa comprendere il valore della libertà e della pace. Chi non le ha fugge in altri luoghi per cercarle, in quanto esse sono preziose. Sono delle cose che valgono così tanto da pagare a caro prezzo la possibilità di salire su uno di quegli assurdi balconi. Quali sono i valori su cui stai poggiando la tua vita? Cosa saresti disposto a fare per difenderli?

Crisi locali e problemi globali” di David Fabrizi

Le fabbriche che chiudono e le piccole imprese che annaspano sono i segnali di un territorio che giorno dopo giorno sta perdendo i suoi abitanti. È per questo motivo che don Valerio Shango, direttore dell’Ufficio per i problemi sociale e del lavoro, ha ritenuto opportuno organizzare una veglia di preghiera, che si terrà il 30 aprile a partire dalle ore 21, per ricordare come senza lavoro non ci sia né famiglia né dignità.

Per riflettere:

  • La parola “crisi” in questi ultimi periodi evoca sempre dei presagi negativi e di terrore, ma nella formazione dell’essere umano verso una vita sempre più adulta è un elemento fondamentale e necessario. Chiedi ai tuoi alunni cosa li sta mettendo in crisi in questo momento nelle loro vita e se hanno un concetto positivo della crisi.

Tra città e paesaggio”, di David Fabrizi

Continua il ciclo di conferenze tenutosi nell’Auditorium dei Poveri di via Garibaldi intorno al tema dell’ambiente, del paesaggio, della città e dello spazio urbano. Il 15 aprile è toccato a Pietro D’Orazi, responsabile territorio ed ambiente della delegazione Fai di Rieti, ricordare l’espressione di Croce per il quale il paesaggio è il volto della nazione. Parlare di paesaggio significa anche cercare di comprendere quale possa essere il posto riservato all’uomo in esso.

Per riflettere:

  • Ti senti parte essenziale di un tutto? Ti sperimenti come quel mondo senza di cui il nostro universo sarebbe più povero?
  • Pregi e difetti: cosa in te rende questo mondo più bello? Cosa lo rende più brutto?

Nessuno è intervenuto”, di David Fabrizi

A parlare è la madre del ragazzo vittima di un episodio di violenza gratuita da parte di altri ragazzi che stavano con lui. Schiaffi sulla nuca, oggetti distrutti, sigarette spente sul suo collo, capelli bruciati da un accendino sono solo alcune delle azioni che hanno caratterizzato questo triste fatto di cronaca. Il ragazzo, a cui era morto il padre, è seguito da un neurologo ed ora, dopo questo fatto, è costretto ad assumere anche dei farmaci. A difenderlo solo un ragazzo fra i tanti del gruppo. Come sempre nessuno ha visto nulla.

Per riflettere:

  • In questa storia tu chi sei: il ragazzo oltraggiato, colui che oltraggia o il ragazzo che difende quello vittima degli insulti degli altri?
  • In classe ti è mai capitato di difendere un tuo compagno? Cosa è accaduto?

Fianco a Fianco alla famiglia”, di Massimo Casciani

Fianco a Fianco è l’ultimo progetto nato all’interno della Cooperativa Demethra nata nel 2007 con i fondi della lotta alla droga e situata in piazza Oberdan 7. Essa ha come scopo quello di offrire una rete di sostegno alle famiglie e ai genitori. Il suo scopo è quello di rendere questa città a misura d’uomo e sempre più attenta ai bisogni dell’altro.

Per riflettere:

  • Vedi nella tua famiglia il luogo migliore per chiedere consigli e per confidarti oppure ti rivolgi ad altre persone? Quali?
  • Cosa c’è di speciale nella tua famiglia, tanto da renderla unica?

Stravolti da Cristo”, di Riccardo Beltrami

Cosa c’è di meglio del parlare della vocazione in un momento in cui c’è il “tiro al cattolico”. È il ragionamento fatto dal giornalista Emanuele Lombardini, che ha da pochi giorni pubblicato il suo libro Stravolti da Cristo. Storie di vocazione per la casa editrice Paoline. La vocazione è da lui ritenuta un fatto straordinario riguardante delle persone non straordinarie e alle volte anche lontane dalla vita ecclesiale.

Per riflettere:

  • Cosa è il nostro nome se non la concreta possibilità di esser chiamati per poter entrare in una qualsiasi relazione. Tu sei relazione. Su quali tipi di relazione stai costruendo la tua vita (amore, odio, gelosia, invidia…)?

Rispondi