Fortitudo: per la salvezza c’è ancora da attendere

Non riesce il miracolo alla Fortitudo Città di Rieti che prende un punto nella classifica generale del girone C perdendo 3-2 contro la formazione già stabile della’ EdilRossi Bastia Perugia.

Con il supporto dei tifosi reatini arrivati con la squadra al Palagiontella la Fortitudo Città di Rieti si presenta nella difficile trasferta umbra. Buone notizie arrivano da Olbia, la diretta concorrente per la salvezza Todi perde in terra sarda 3-1; bisognerebbe sfruttare l’occasione del sorpasso. Ma si pensa alla partita.

Alessio Simone dovrà fare a meno in campo per tutta la partita del libero titolare Francesca Severi che nell’ ultimo allenamento pre- partita ha rimediato un infortunio alla mano, niente di grave, disponibile in maglia di gioco nel match. Al suo posto il capitano Karima Sammartano. Formazione stravolta quindi per il sestetto reatino che scende in campo con Miotti in regia, al centro Vojth e Lestini con Iosco e Lunardi laterali, l’opposto Carrara e il libero Sammartano.

Inizio in salita per le amarantocelesti che faticano a prendere confidenza con il campo e subiscono 8-2 e 16-6 nei time out tecnici arrendendosi sul 25-14.

Nel secondo set l’assetto mentale è diverso: si parte bene punto a punto mantenendo un equilibrio sostanziale, al tempo tecnico è +1 Rieti (7-8), si inizia a fare sul serio e giocare belle azioni: Miotti gestisce e trova le sue pronte: Carrara, Voth, Lunardi, Lestini e Iosco spingono sulle alzate della palleggiatrice e mantengono il vantaggio: 13-16. Il finale è al cardiopalma, un punto a punto dove entrambe le formazioni non mollano ma alla fine è la squadra reatina ad avere la meglio: 24-26.

Il terzo parziale rinizia con una falsa riga del primo, i potenti attacchi delle padrone di casa pungono e contrastano le amarantocelesti che non riescono a difendersi, sempre costrette alla rincorsa sull’8-4 prima e 16-7 poi. Il gap è troppo elevato e le umbre si aggiudicano il terzo set: 25-15.

Sul 2-1 per le bianco azzurre Diletta Lunardi e compagne ci credono e dominano tutto il set. Sammartano fa sua la difesa e la prima linea non demorde e annulla la squadra di casa. Il vantaggio del 10-16 alimenta il pubblico reatino e fino alla fine la Fortitudo vince meritatamente il quarto: 13-25.

Al tie-break le bastiole non cedono e dominano convinte l’ultimo parziale: 8-2 mettendo Rieti in difficoltà e il finale è per loro: 15-6.

Finisce 3-2 per Bastia, la Fortitudo prende un punto nella classifica generale.

A fine gara Alessio Simone è soddisfatto delle sue: “ E’ stata una partita nervosa all’inizio, loro erano cariche e non ci hanno regalato niente. Il secondo set è stato di alto livello e nel quarto abbiamo straripato. Era importante venir via con un punto da qui; la vittoria è rimandata ma siamo ancora vivi e l’atteggiamento è quello giusto – afferma il tecnico. Dobbiamo trovare più continuità in allenamento e un plauso va alle giocatrici che riescono a coprire più ruoli anche attraverso mille difficoltà nella formazione” conclude.

La situazione della classifica vede Rieti dopo ventiquattro giornate in undicesima posizione con 24 punti (come Trevi) sotto alla diretta concorrente Todi (25) reduce dalla sconfitta con Olbia (3-1) e che aspetta la Fortitudo sabato prossimo alle 17.30 per il vero scontro-salvezza.

Il pubblico reatino accorso da Rieti trasforma il Palagiontella in amarantoceleste. Risulterà il vero vincitore della giornata. Per oltre due ore di gioco non ha mai mollato le ragazze incitandole per l’intera gara. A Todi si replica sperando di portare un po’ di Rieti in Umbria.

Rispondi