Ponrificio Organo Dom Bedos-Roubo

Filippo Tigli svela i segreti del Dom Bedos-Roubo

Domenica 5 agosto il maestro Filippo Tigli sarà disponibile in San Domenico per spiegazioni inerenti la tecnica costruttiva dello strumento.

Domani domenica 5 Agosto dalle ore 18.45 alle 20.00 la chiesa di san Domenico sarà aperta al pubblico : il conservatore Filippo Tigli eseguirà al Pontificio Organo Dom Bedos-Roubo improvvisazioni in stile francese e tedesco consone all’epoca dello strumento e sarà disponibile per spiegazioni inerenti alla tecnica costruttiva dell’ornano.

Filippo Tigli, ingegnere elettronico, e’ autore del progetto organo virtuale (1997) www.scpop.de; ha conseguito nel 1999 il III premio al concorso del Sound Canvas User Group con una sua improvvisazione “ouverture nel gusto settecentesco” tra una miriade di brani pop. Ha seguito il progetto Dom Bedos-Roubo fin dalla nascita, curando l’approvazione dello strumento presso la Sovrintendenza ai Beni Culturali del Lazio. Ha seguito la costruzione, redigendo e verificando gli stati di avanzamento e collaborando con l’organaro Formentelli nel montaggio. Ha progettato, realizzato e installato sistemi di trasmissioni elettroniche per organi (Chiesa di S. Francesco, Matera, organo Ruffatti; chiesa di S. Flaviano, Recanati: organo Bossi, 1905) per conto delle botteghe organarie Formentelli padre e figlio.  Si occupa della conservazione dello strumento, della accordatura, della gestione del corrente sito. Ha diretto la I edizione del Festival Organistico Dom Bedos (2010), inaugurazione strumentale, in collaborazione con la Fondazione Flavio Vespasiano. Ha organizzato i concerti del Reate Festival 2009/2010 (Pinardel – Concerti di Haendel per Organo e Orchestra nel Reate Festival MMX) e cura tutte le attività relative alla promozione e valorizzaazione del grande strumento di Rieti.

Pratica l’improvvisazione all’organo seguendo i consigli di F.S, Colamarino, M. Pinardel e F. Chapelet, secondo il quale può definirsi “Maestro Improvvisatore”; organizza le visite di gruppo all’organo illustrando le caratteristiche foniche dello strumento. Ha eseguito alcuni brani in concerto il 21/03 in occasione del World Organ Day ed e’ stato chiamato per concerti in varie occasioni, come l’assemblea del CONI in Santa Scolastica (2010) e in Contigliano sul Fedeli (20 luglio 2014). Come tanti altri appassionati e organisti, e’ appassionato di ferrovie e costruttore di plastici ferroviari.). Oggi è Conservatore dell’Organo Dom Bedos e coordinatore del gruppo di gestione nonché coordinatore e segretario dell”ISMUS ; ha pubblicato un libro no-profit sull’Organo a canne (accessibile sul portale Calameo).

Ha collaborato inoltre con la Fondazione Varrone per l’accordatura e la manutenzione ordinaria dell’organo meccanico Pinchi-Skarbl di San Giorgio. Attualmente ha intrapreso la via dell’arte organaria lavorando per conto della Bottega Organaria MIchel Formentelli di Camerino , sia nel restauro e ricostruzione di canne antiche secondo il metodo Dom Bedos, che nella progettazione e installazione di trasmissioni elettroniche per organi a canne.

 

Rispondi