«Ecco se ddó sta l’arkemense» va in scena al Vespasiano

Ecco se ddó sta l’arkemense è una commedia in due atti in vernacolo, scritta dall’autore reatino Alberto Marchili, con la regia di Elia Bucci. I costumi e la scenografia sono curati da Francesco Sacco.

La vicenda si svolge nella Rieti dei giorni nostri, dove una strampalata famiglia si trasferisce dalla casa in campagna a quella in città, e ben presto si troverà a fare i conti con un… fantasma. Gli equilibri interni dei singoli personaggi saranno ben presto messi a dura prova, così come i delicati, e spesso instabili, rapporti tra i vari componenti della famiglia.

Come nella migliore tradizione de La Bottega del Teatro, la commedia, adatta sia per i più grandi che per i più piccoli, mai volgare e offensiva, unisce al tempo stesso comicità, spensieratezza e riflessione, in un connubio perfetto dove un elemento non esclude l’altro, anzi si amalgamo a formare un tutt’uno imprescindibile. Gag, sedute spiritiche, esorcismi vanno di pari passo al profondamente attuale tema della solitudine, soprattutto nelle persone anziane, argomento da sempre particolarmente caro alla compagnia teatrale, della crisi economica, della difficoltà al giorno d’oggi ad instaurare legami autentici tra le persone. E, strano a dirsi, proprio la presenza di un fantasma dispettoso riporterà la pace e il sereno tra i membri della famiglia.

I protagonisti che calcheranno il palco del Flavio sono: Vincenzo Parisi, Luciana Colasi, Francesco Parisi, Massimiliano Grelli, Saveria Fagiolo, Laura Ranalli, Fulvio Buccioni, Massimo Moroni, Elia Bucci, Lina Grassi, Maria Rosaria Di Napoli, Sara Alessandrini.

Ecco se ddó sta l’arkemense è tutto questo e molto di più. Nonno Giuseppe, Ubaldo, Teresa, Loreto, Martina, Concettina, Ferminia e tutti i personaggi che compongono la commedia vi danno appuntamento al teatro Flavio Vespasiano.

Il botteghino del teatro sarà aperto da mercoledì 16 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

Rispondi