Don Domenico: «Lo straordinario accade ai margini»

«Spesso abbiamo la sensazione che tutto si decida sopra le nostre teste, che non abbiamo più spazio per la nostra disponibilità di manovra. Siamo convinti che nel quadrante della storia, quelli che veramente contano, quelli che decidono, sono i potenti. In realtà non decidono un bel niente: c’è uno spazio che è lasciato alla nostra libertà su cui nessuno può in alcun modo decidere. A dispetto delle apparenze, ciò che sta accadendo di straordinario non riguarda i potenti, ma una figura marginale. Spesso sono le persone marginali che diventano protagonisti della novità. Ognuno di noi ha la possibilità di fare la differenza, che ciascuno è in un certo senso artefice del proprio destino».

Omelia di mons. Domenico Pompili nella seconda domenica di Avvento. Cattedrale di Rieti, 6 dicembre 2015.

Guarda il video su YouTube.

Rispondi