Caritas

Docce per i senza fissa dimora: un nuovo servizio offerto da Comune, Caritas e Mensa di Santa Chiara

Grazie alla collaborazione tra Caritas, volontari della Mensa di Santa Chiara e Comune di Rieti, i locali doccia dello Stadio Guidobaldi saranno a disposizione delle persone senza fissa dimora

Questa settimana partirà una nuova iniziativa dell’assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Rieti rivolta ai senza fissa dimora o comunque a persone in grave situazione di disagio socio-economico, presenti anche solo temporaneamente sul territorio comunale, per mettere loro a disposizione gli impianti doccia siti presso lo Stadio Guidobaldi.

Il progetto sarà realizzato grazie alla collaborazione con Caritas Diocesana di Rieti e Mensa di Santa Chiara che, di concerto con l’assessorato ai servizi sociali, in virtù di un apposito protocollo d’intesa che definisce rispettivi ruoli e impegni, porteranno avanti l’iniziativa, con particolare riferimento all’attuale periodo emergenziale. La Giunta Comunale ha già approvato la delibera proposta dall’assessore ai servizi sociali, Giovanna Palomba e lo schema di convenzione tra le parti.

Nel dettaglio, il Comune di Rieti si impegna a mettere a disposizione i locali doccia dello Stadio, garantendone la fruibilità e monitorando costantemente la disponibilità di acqua calda, riscaldamento e illuminazione. Il servizio sociale sarà costantemente informato attraverso gli operatori che monitoreranno gli accessi. Ciò potrà assicurare anche interventi mirati sui casi eventualmente segnalati. Il Comune, inoltre, garantirà la copertura assicurativa di quanti fruiranno del servizio e si impegna ad implementarlo, per quanto possibile, anche attraverso una rete di sensibilizzazione sociale volta anche all’eventuale reperimento di indumenti per i cambi attraverso le associazioni del settore.

La Caritas Diocesana metterà a disposizione, a titolo gratuito, tutto il necessario per provvedere alla pulizia e all’igienizzazione dei locali, ogni volta che verranno utilizzati, oltre che a fornire i prodotti per l’igiene personale.

La Mensa di Santa Chiara si impegna a presenziare, attraverso almeno due volontari per volta, nelle giornate di erogazione del servizio, al fine di esercitare il dovuto controllo sul regolare svolgimento nel rispetto delle regole e delle persone. I volontari consegneranno il materiale per l’igiene personale e informeranno tempestivamente tutte le parti coinvolte nel Protocollo d’intesa su eventuali problematiche insorgenti.

Il servizio verrà inizialmente erogato settimanalmente nella giornata di martedì (salvo ulteriore implementazione) dalle ore 17.30 alle ore 19 e la durata sarà strettamente legata all’attuale situazione di emergenza.

«Ringrazio la Caritas e il direttore don Fabrizio Borrello, la Mensa di Santa Chiara e la responsabile Stefania Marinetti perché, con il consueto spirito collaborativo e l’enorme sensibilità che contraddistingue, da sempre, il loro operare per la comunità, hanno contributo a rendere possibile la realizzazione di questo intervento – dichiara l’assessore ai servizi sociali, Giovanna Palomba – Era una necessità sentita dal territorio alla quale oggi riusciamo a dare una risposta concreta, l’ennesima, grazie anche alla collaborazione di tante realtà e di tanti volontari. Ringrazio i volontari della Mensa di Santa Chiara che finora, con grande animo solidale, hanno garantito la possibilità di fare la doccia a persone bisognose anche presso le loro abitazioni. Ringrazio, infine, il Consigliere delegato allo sport, Roberto Donati, ed il settore impianti sportivi del Comune per la disponibilità all’utilizzo dei locali».

Rispondi