Social week

Digitale, ecco i profili più richiesti

Le piccole e medie aziende chiedono in particolare: digital strategist, e-commerce manager e seo specialist

Digital strategist, e-commerce manager, seo specialist: in questo preciso momento storico, le figure del digitale sembrano essere tra le più ricercate dalle pmi, che stanno, ora più che mai, accelerando il processo di digitalizzazione già in essere, ma che ha avuto in questo 2020 finalmente la spinta a decollare. Secondo una ricerca di Page Group redatta a settembre 2020 infatti, le professioni più richieste al momento sono proprio legate al mondo del digitale: cloud & infrastracture manager, cyber information security officer, e-commerce manager, digital marketing specialist, content and social media manager, Ux/Ui designer, data scientist e infine Sw & web developer sono i ruoli più ricercati dalle aziende nel mondo del lavoro.

Come primo passo in questa trasformazione digitale vi è ovviamente l’investimento sullo sviluppo: Ux e Ui designer, così come web developer rappresentano il primo gradino verso il processo di digitalizzazione di un’azienda, seguiti dalle professioni legate al mondo dei social (social media manager, content creator e community manager). L’investimento sulla comunicazione deve infatti andare in parallelo con quella dello sviluppo, garantendo agli utenti finali di usufruire di un’intera community intorno ad un brand, senza limitarsi alla presenza di un e-commerce online. Spazio anche ai nuovi social network: in forte aumento le richieste di skills legate al mondo di Tik Tok, soprattutto nei videomaker, non più tradizionali ma in continua evoluzione con il mondo digital.

Così come cambiano le figure ricercate sempre più spesso dai responsabili delle Risorse umane, si evolve anche il mercato stesso del lavoro: le nuove generazioni sono sempre meno ancorate all’idea di posto fisso, preferendo le collaborazioni sempre in divenire con aziende e progetti diversificati e di spettro internazionale. Il talento viene visto oggi come un servizio. Le aziende, seguendo questo trend, vogliono infatti collaborare con i migliori talenti sul mercato, in tempi brevi, soprattutto quando si hanno scadenze rigide per progetti e appalti, senza l’obbligo di assunzione di una figura selezionata ad hoc per un progetto ormai terminato. In loro aiuto arriva Cosmico (wearecosmico.com), startup nata a Febbraio 2020, pochi giorni prima della pandemia, che punta a connettere i talenti del mondo digital con le più grandi aziende, agenzie, società di consulenza e start up internazionali.

«Le aziende, avvalendosi della consulenza della star tup, avranno la garanzia di collaborare con i migliori talenti del settore per i loro progetti di breve o lunga durata, abbracciando un nuovo modo di intendere il mondo del lavoro, sempre più contemporaneo e connesso. Oltre all’affidabilità, alla flessibilità e al contenimento dei costi di assunzione, le aziende avranno inoltre il vantaggio di lavorare con figure digital e smart che già padroneggiano perfettamente le nuove metodologie di lavoro, accelerando anche l’apprendimento e la trasformazione digitale dell’azienda stessa», spiega Francesco Marino, managing director di Cosmico.

Il 60% delle richieste dalle aziende che collaborano con Cosmico rientra nell’area di Sviluppo (frontend e backend), mentre la restante parte si divide tra Design e Comunicazione. Oltre l’80% viene infine incanalato nella figura dell’e-commerce manager, soprattutto da PMI che vogliono digitalizzarsi per la prima volta per essere competitive sul mercato.

Gli interessati possono inviare la candidatura a: hello@wearecosmico.com.

Rispondi