Libri

Diario da un monastero buddista giapponese, un viaggio alla ricerca di autenticità

Esce il 28 giugno il libro di Andrea Loreni “Zen e funambolismo” per la casa editrice Funambolo, quarto titolo della collana arte di strada e circo contemporaneo diretta da Paolo Stratta

Esce il 28 giugno il libro di Andrea Loreni Zen e funambolismo per la casa editrice Funambolo, quarto titolo della collana arte di strada e circo contemporaneo diretta da Paolo Stratta, direttore del Cirko Vertigo e del Festival Sul Filo del Circo e Living.

La prefazione è di Manolo, arrampicatore, alpinista e guida alpina.

In Zen e funambolismo Andrea Loreni ci conduce in un viaggio alla ricerca di autenticità, di equilibrio, dell’essere altro-da-sé. È un diario in cui racconta la sua esperienza al Monastero Sogen-ji in Giappone, dove ha appreso l’arte della meditazione zen (questa parte è stata già autopubblicata e ha venduto più di mille copie); è la storia del ritorno al Tempio in cui ha realizzato la traversata diventata poi documentario; è esperienza e sentimento dell’uomo e del funambolo e manuale pratico di funambolismo. L’autore ci accompagna in questo mondo fatto di cavi, funi e pratica koan con un linguaggio semplice e immediato. Tutto quello che accade sul cavo si trasforma in dialogo e condivisione.

Ogni movimento del corpo diventa cibo per la mente, ogni passo è esplorazione, ogni mano tesa è spunto di riflessione sui temi della vita. In ogni sua traversata Andrea Loreni fa i conti con l’ostacolo più grande da superare: la paura. Il lettore partecipa al controllo e al superamento dei limiti del funambolo che non sono altro che i limiti di ciascun uomo: incertezza, solitudine, rischio e fallimento. La vita è come camminare sul filo: «I pensieri sono nuvole e noi cielo, le nuvole passano e vanno, il cielo rimane. Non possiamo non pensare, ma possiamo ascoltare i pensieri e lasciarli andare senza lasciarci trascinare».

Andrea Loreni è un funambolo e un formatore, l’unico funambolo in Italia ad essere specializzato in traversate a grandi altezze. Nasce nel capoluogo piemontese nel 1975; nel 1997 inizia a praticare arte di strada da autodidatta, nel 1999 si laurea in Filosofia Teoretica e nel 2002 si iscrive alla Scuola Flic di Torino. Il rapporto con il cavo e il vuoto, la componente fisica ma soprattutto mentale di questa sfida, lo portano ad una nuova ricerca che unisce corpo, mente e spiritualità. Si dedica quindi alla meditazione Zen, sotto la guida di Shodo Harada Roshi presso il monastero di Sogen-ji a Okayama, in Giappone.

Il libro Zen e funambolismo è disponibile dal 28 giugno nelle migliori librerie, sul sito www.funamboloedizioni.com, e negli store online.

Rispondi