Sport

Coppa della Divisione, il Real trionfa a Pesaro

A Pesaro, il Real Rieti conquista la Coppa della Divisione 2018/2019 battendo l’Italservice dopo la lotteria dei calci di rigore, al termine di una sfida infinita, chiusasi sul 3-3 all’extratime.

A Pesaro, il Real Rieti conquista la Coppa della Divisione 2018/2019 battendo l’Italservice dopo la lotteria dei calci di rigore, al termine di una sfida infinita, chiusasi sul 3-3 all’extratime.

Decisivo l’errore dal dischetto di Honorio o, se preferite, la parata di Putano “lo specialista” premiato come miglior giocatore della finale dai giornalisti presenti. Ma l’apoteosi i tifosi del Real, arriva quando Alemao si presenta sul dischetto e spacca la traversa: l’ex Jhons la tocca, ma la sfera finisce in rete.
Tifosi in campo ad abbracciare gli eroi amarantoceleste, poi è festa grande sulla passerella della premiazione, sulle note di “We are the Champions”.

«E’ una gioia indescrivibile – commenta il patron Roberto Pietropaoli – questo è un gioiello di squadra, che vince e conquista trofei. E’ una vittoria che vorrei condividere con tutti, dal primo all’ultimo, ora ci godiamo questa splendida serata, poi torneremo a pensare ai prossimi obiettivi stagionali». Dalla felicità di Pietropaoli a quella del tecnico David Festuccia, che chiude il suo intervento con una dedica speciale: «Sfida ad altissima intensità – dice – tre volte sotto, tre volte capaci di recuperare, segno tangibile di forza e spirito di gruppo. Non abbiamo mai mollato e alla fine siamo stati premiati. Il portiere di movimento sul 2-2? Con cinque falli da gestire, abbiamo provato ad alleggerire la loro pressione. Permettetemi di dedicare questa vittoria alla memoria di Stefano Colasanti e tutta la famiglia: lui stasera sarebbe stato qui con noi e avrebbe esultato».

PRIMO TEMPO – Dopo un avvio di studio, il Real porta il primo pericolo nell’area di rigore di Pesaro: al 4’, infatti, Chimanguinho si gira bene sul sinistro, piazzato in diagonale che si stampa sul palo con Miarelli battuto. Al 5’ l’Italservice passa in vantaggio: punizione di Mancuso, conclusione potente sul primo palo che aggira anche Jeffe e non lascia scampo a Putano (1-0). La risposta del Real sta nel destro di Kakà, che al 7’ chiama Miarelli a respinta di ginocchia, sugli sviluppi di una punizione. Ancora il brasiliano al 10’ con una bella girata di prima intenzione, ma Miarelli (ex di turno) intuisce e devìa in corner. Al 12’ ci prova a Rafinha sull’ennesima punizione dal limite, ma anche stavolta, sul destro del capitano, Miarelli c’è.
Gli sforzi del Real, fiaccato di cinque falli già al 15’, sortiscono gli effetti sperati al 18’: azione manovrata, apertura di Kakà per Rafinha che da destra lascia partire un missile terra-aria sul quale stavolta Miarelli deve arrendersi (1-1). A 17” dalla sirena, gli arbitri fischiano un inspiegabile sesto fallo a Chimanguinho, dal dischetto va Marcelinho, ma la conclusione termina a lato. Finisce il primo tempo sull’1-1.

SECONDO TEMPO – Inizio di assoluto equilibrio, una conclusione per parte, poi al 6’ prima Putano salva sulla conclusione ravvicinata di Honorio, ma sulla prosecuzione dell’azione, Borruto sullo scarico di Tondinandel indovina l’angolino giusto e riporta avanti l’Italservice (2-1).
Ma il Real è vivo e dopo qualche scaramuccia tra Kakà e Honorio, la formazione reatina trova il pari: Alemao recupera palla a centrocampo, arriva fino in fondo, mette al centro dove Taborda involontariamente beffa Miarelli (2-2).
Al 14’ episodio-chiave del match: Honorio va giù, l’arbitro giudica da simulazione il gesto del brasiliano ed estrae il secondo giallo. Italservice in inferiorità numerica, ma dopo neanche 30” anche il Real resta con un uomo in meno (e quinto fallo) per un’infrazione su Taborda. Al 15’ è show sotto la porta dell’Italservice: uno contro uno Chimanguinho-Miarelli, scarico su Jeffe e respinta del portiere, palla a Chimanguinho, sforbiciata volante e salvataggio ancora dell’ex Real. Al 18’ squadre di nuovo 5 contro 5 e sempre in perfetta parità, risultato che resiste fino al 20’. Si va ai supplementari.

EXTRATIME – Si riparte dal 2-2 ma dopo appena un minuto e mezzo il Real si gioca la carta del portiere di movimento: indecisione difensiva di Alemao, palla a Borruto, Jeffe in scivolata tenta l’intervento disperato, ma il numero dieci pesarese segna a porta vuota e riporta Pesaro avanti (3-2). E’ l’unica vera emozione del primo tempo supplementare.
Nel secondo, al 2’ Miarelli dalla propria porta sfiora il gol del doppio vantaggio sfiorando il palo di un niente. E su capovolgimento di fronte Chimanguinho trova gol e capoeira per il 3-3. Nel finale l’Italservice si gioca Mateus come portiere di movimento, ma al di là del possesso-palla, non sortisce gli effetti desiderati. Si va ai rigori.
RIGORI – Inizia l’Italservice e Marcelinho realizza, risponde subito Kakà e si resta in parità, poi la svolta. Honorio si fa neutralizzare la conclusione da Putano, Jeffe insacca, Mateus tiene viva la speranza dei padroni di casa, ma Alemao piazza il gol del trionfo: 6-5 e può esplodere la festa.

IL TABELLINO DEL MATCH:
ITALSERVICE PESARO-REAL RIETI 6-5 dcr (3-3 dts)
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Marcelinho, Honorio, Taborda, Tondinandel, Del Grosso, Caputo, Fortini, Borruto, Mateus, Jhons, Mancuso. Allenatore: Colini.
REAL RIETI: Putano, Alemao, Rafinha, Jefferson, Kakà, Jeffe, Joaozinho, Chimanguinho, Micoli, Rafinha, Esposito, Stentella, De Michelis. Allenatore: Festuccia.
ARBITRI: Giuseppe Parente (Como), Riccardo Davì (Bologna), Angelo Galante (Ancona).
CRONO: Natale Mazzone (Imola)
RETI: 4’57” Mancuso, 18’32” Rafinha, 6’37”st Borruto, 9’08”st Taborda, 1’19”pts Borruto, 2’40”st Chimanguinho.
SEQUENZA RIGORI: Marcelinho (I) gol; Kakà (R) gol; Taborda (I) parata; Jeffe (R) gol; Mateus (I) gol; Alemao (R) gol.
NOTE: spettatori 1500 circa, di cui un centinaio provenienti da Rieti. Al 14’04”st espulso Honorio (I) per doppia ammonizione. Ammoniti: Joaozinho, Jefferson, Rafinha, Kakà, Chimanguinho, Jeffe (RR).

Rispondi