Con lo Slow Food Day apre la stagione estiva di Tularù

Apre la stagione estiva di Tularù, a Ponzano di Cittaducale, con un calendario ricco di eventi. Condivisione, natura, sostenibilità e biologico sono le parole chiave della filosofia di questa azienda agricola, con agriturismo e ristorante, quest’ultimo aperto dal venerdì alla domenica.

L’occasione per riaprire le porte per l’estate 2018 è quella dello Slow Food Day organizzato per domenica 22 aprile. In questa giornata verrà presentata la filiera dei grani antichi che vede coinvolti produttori e commercianti del territorio reatino per offrire ai consumatori, pasta e pane realizzati con i grani antichi. Il programma prevede spiegazione ed illustrazione delle semenze, visita ai campi, pranzo con prodotti bio dell’azienda e laboratorio di pasta fresca con Paola Simeoni.

Dopo solo tre giorni, il 25 aprile, si festeggerà la Liberazione, con un picnic ai Laghetti. Si cucinerà sul posto la grigliata di carne allevata a Tularù e saranno proposte anche alternative vegane grazie ai prodotti dell’orto. Ci sarà la musica dal vivo. La festa è per tutti. Il luogo è adatto ai giochi dei bambini e alle passeggiate.

Dal 28 aprile al 1° maggio si realizzeranno i sogni dei bambini, costruendo una casa sull’albero. Il laboratorio può essere partecipato da grandi e piccini. Mentre gli adulti costruiranno l’infrastruttura sotto la guida di tecnici esperti, i più piccoli si dedicheranno alla realizzazione di oggetti di arredo per la casa. C’è possibilità di pranzare con una quota di 8 euro.

Gli appuntamenti non finiscono qui. A Tularù si fa educazione ambientale. Dal 14 al 16 maggio ci sarà un interessante corso approfondito sul riconoscimento e l’uso delle erbe spontanee con la “Sibilla delle Erbe”, Maria Sonia Baldoni; mentre il 27 maggio è prevista un’altra giornata di riconoscimento delle erbe spontanee con il Professor Mattia Bencivenga, in collaborazione con il Centro Appenninico Carlo Jucci.

Rispondi