Lavoro

Con il progetto Digital First cento nuovi posti di lavoro a Rieti

A fronte di un investimento complessivo di quasi 18 milioni e mezzo di euro, di cui quasi 1.000.000 € della Regione, in meno di un anno sono state assunte ben 100 giovani risorse

«Cento nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato e altamente qualificati, frutto della voglia di investire di un grande gruppo internazionale e del sostegno deciso degli enti pubblici, Regione e Ministero dello Sviluppo Economico. È il segno concreto che quando le istituzioni ascoltano i territori e lavorano assieme alle forze produttive i risultati arrivano rapidamente e sono concreti».

È quanto ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a proposito della presentazione, avvenuta ieri a Rieti, dei primi risultati del progetto “Digital First”, portato avanti dalla società Sistemi Informativi, parte del gruppo Ibm. Si tratta di un progetto che punta alla creazione, nel Centro di Competenza di Rieti, di 130 posti di lavoro altamente specializzati nel settore digitale per sviluppare nuove soluzioni software per i clienti dell’azienda, tra i quali la PA e aziende del settore bancario, finanziario e assicurativo, di quello delle telecomunicazioni.

«Il progetto ‘Digital First’ – ha continuato Zingaretti – è stato oggetto di un accordo di innovazione perfezionato dal Mise e dalla Regione Lazio nel dicembre scorso. A fronte di un investimento complessivo di quasi 18 milioni e mezzo di euro, di cui quasi 1.000.000 € della Regione, in meno di un anno sono state assunte ben 100 giovani risorse. Questo per Rieti è sinonimo di lavoro, sviluppo e prospettive per il futuro».

«Questo è un risultato concreto della nostra politica di sostegno agli investimenti che viene da lontano – ha concluso Zingaretti – sono 34 infatti, tra Contratti di Sviluppo e Accordi di Innovazione, le intese siglate da Mise e Regione Lazio con imprese che hanno scommesso sul nostro territorio, generando investimenti complessivi per 570,25 milioni di euro, con un sostegno regionale di quasi 30 milioni di euro».

« Digital First testimonia come, in poco tempo, si possano raggiungere obiettivi importanti, una ‘best practice’ che stiamo utilizzando anche in altri contesti produttivi e territoriali con la nascita della nuova ‘Unità per l’occupazione e lo sviluppo’, un organismo regionale pensato per attrarre investimenti nei territori, promuovere la reindustrializzazione e sostenere la buona occupazione», dicono in una nota congiunta gli assessori della Regione Lazio al Lavoro, Formazione e Politiche per la Ricostruzione, Claudio di Berardino, e allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli. «Rieti si testimonia così come area in cui vocazione territoriale e innovazione possono costituire importanti asset di sviluppo, capaci di competere nel mercato, non solo regionale, ma anche nazionale e internazionale», concludono.

 

Rispondi