Comunità Laudato si'

Comunità Laudato si’, si parlerà di Amazzonia al secondo Forum Internazionale

Sabato 6 luglio torna presso l'Area Food di Amatrice il Forum delle Comunità Laudato si’. La giornata di questa seconda edizione si svolgerà sul tema “Pianeta Amazzonia”, in vista del Sinodo dei vescovi per la Regione Panamazzonica

È “Pianeta Amazzonia” il tema del secondo Forum delle Comunità Laudato si’. Dopo aver affrontato il tema della plastica e aver distillato in una “carta” comportamenti e consapevolezze, il variegato mondo di persone e associazioni impegnato a vivere e diffondere le intuizioni dell’enciclica di papa Francesco torna il 6 luglio ad Amatrice per riflettere sul polmone verde del pianeta.

La scelta trova attualità nel Sinodo dei vescovi per la Regione Panamazzonica, convocato dal Pontefice per prossimo ottobre, ma il tema è particolarmente congeniale al movimento delle Comunità Laudato si’. Insieme ai necessari cambiamenti di stile di vita, ai piccoli e grandi gesti quotidiani, l’enciclica spinge infatti a una consapevolezza globale, chiede la capacità di comprendere in che modo e perché «tutto è connesso».

In questa direzione, il destino dei 7 milioni di km² della foresta pluviale tropicale offre un esempio formidabile, e non solo perché i cambiamenti in quell’area hanno ripercussioni ambientali a livello planetario. Sarà anche interessante approfondire quali forze agiscano sull’Amazzonia e perché la crisi da cui è investita sia l’esatta conseguenza della «cultura dello scarto», di una mentalità cieca e distruttrice che preferisce il profitto alla giustizia. Accade con la devastante deforestazione attuata per la diffusione di un’agricoltura aggressiva e intensiva, lo si misura nella contaminazione delle terre e delle acque causata dallo sfruttamento agricolo e minerario, lo si legge nella prepotenza verso le popolazioni indigene, espropriate di terre ancora incontaminate e di risorse. L’Amazzonia è l’immagine più forte e attuale di come siano innanzitutto i più poveri a pagare i danni ambientali, di come – questa è la profonda novità dell’enciclica – giustizia sociale ed ecologia siano in profonda relazione.

Accolti da Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, e dal vescovo di Rieti, Domenico Pompili, ideatori del progetto, gli uomini e le donne delle Comunità riunite ad Amatrice affronteranno questi temi con l’aiuto di relatori provenienti da diversi ambiti, affinché anche l’approccio del forum risulti multidisciplinare e giocato su più livelli.

Nella sessione mattutina interverranno il biologo di fama mondiale Stefano Mancuso; Mattia Prayer Galletti, Lead Technical Specialist dell’International Fund for Agricultural Development; Paolo Ruffini, giornalista, prefetto del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede; e suor Alessandra Smerilli, Consigliere di Stato della Città del Vaticano e docente ordinario di Economia Politica alla Facoltà “Auxilium” di Roma.

La sessione pomeridiana, vedrà invece protagoniste dirette le Comunità Laudato si’, chiamate a raccontarsi per dare voce alle esperienze più significative maturate nel movimento. Ad aprire il dibattito saranno le testimonianze di don Antonio Sciortino, già direttore di «Famiglia Cristiana» e attuale direttore del mensile «Vita pastorale», e di padre Ermes Ronchi, teologo, volto noto della televisione come conduttore della rubrica «Le ragioni della Speranza» all’interno del programma di Rai Uno «A sua immagine». I lavori si concluderanno nel tardo pomeriggio.

Per partecipare si consiglia la registrazione attraverso il modulo on-line: https://bit.ly/2JV7DXM.

Rispondi