Comune di Rieti, Cisl Fp: «Situazione divenuta insostenibile ed intollerabile»

«Situazione divenuta ormai insostenibile ed intollerabile al Comune di Rieti». Lo si legge in un comunicato di diversi organismi della Cisl Fp di Roma Capitale e Rieti, che «dopo attese e riflessioni» manifestano «tutto il dissenso relativo all’atteggiamento dell’Amministrazione comunale nei confronti della gestione dei servizi e dei dipendenti, il tutto a scapito della qualità dei servizi stessi».

La Cisl Fp condanna «un atteggiamento non comprensibile e non corrispondente alle tanto sbandierate relazioni sindacali che dovrebbero invece legare il sano rapporto tra chi amministra e chi assolve esclusivamente il ruolo di tutela dei lavoratori e dei servizi».

«Non possono essere più accettati – spiegano dal sindacato – spostamenti e mobilità, finte o presunte, ultimamente anche giustificate dal nuovo Piano Esecutivo di Gestione, che parrebbero a volte tese a premiare altre a punire, che nulla hanno a che fare con la lungamente attesa valorizzazione delle già acquisite professionalità del personale interno».

«Altri agenti di Polizia Municipale distolti dal loro servizio, salvo poi essere pagati con le stesse indennità? Personale in genere rimosso e/o spostato d’imperio o per favoritismi? Tutto – dicono dalla Cisl Fp – in barba alla buona gestione del “buon padre di famiglia” e del rispetto dei criteri di mobilità interni condivisi».

Ed ancora, «solo per citare alcuni esempi», come si può giustificare «una disposizione dirigenziale, con la quale si fraziona un servizio afferente ad un settore, ponendo diversi profili professionali sullo stesso piano di responsabilità gestionali e di coordinamento di personale? E cosa dire poi del mancato rispetto degli accordi sindacali sottoscritti nel 2015 ed in ultimo il 30 dicembre 2015? Perché l’Amministrazione non procede con l’applicazione dell’accordo? E soprattutto, perché si continua con assunzioni degli art. 90, art. 110, comandi e mobilità, se continua la stessa Amministrazione a parlare di limiti della spesa di personale? Di contro, assistiamo invece all’estrema solerzia con la quale si adottano atti e regolamenti non condivisi con le organizzazioni sindacali, contrariamente agli accordi sottoscritti».

La Cisl Fp si dichiara «pronta ad azionare ogni iniziativa riterrà opportuna al fine di vedere riconosciute le sacrosante aspettative dei lavoratori dipendenti, sancite negli accordi sindacali sottoscritti, che vorremmo fossero concretizzati con gli atti amministrativi conseguenti. Inoltre comunica fin d’ora che parteciperà all’assemblea di tutto il personale indetta dalle RSU aziendali per lunedì 25/01 dalle ore 12 alle ore 14». auspicando «una immediata inversione di rotta a partire già dalla convocazione del 28 gennaio».

Rispondi