Comprendere, preparare, celebrare la Pasqua. Dall’Ufficio Liturgico un sussidio e un incontro con gli operatori

L’Ufficio Liturgico ha preparato un documento di facile consultazione sui riti della settimana santa e del triduo pasquale. Già consegnato ai presbiteri, sarà presentato agli operatori pastorali

L’Ufficio Liturgico ha preparato un documento di facile consultazione sui riti della settimana santa e del triduo pasquale che è stato consegnato ai presbiteri della diocesi nell’incontro del 21 marzo. Tale documento, che può essere consultato sul sito http://liturgia.chiesadirieti.it, verrà anche presentato dal direttore dell’ufficio liturgico a tutti gli operatori pastorali sabato 6 aprile alle ore 18 presso la chiesa di san Domenico in Rieti.

Il Concilio Vaticano II, specialmente nella costituzione sulla sacra liturgia, ha sottolineato più volte, secondo la tradizione, la centralità del mistero pasquale di Cristo, ricordando come da esso derivi la forza di tutti i sacramenti e dei sacramentali. Noi siamo salvati dal Signore Gesù, specialmente dalla sua Pasqua o passaggio da questo mondo al Padre. La Pasqua, celebrata fin dall’inizio ogni otto giorni, come Giorno del Kyrios – Signore risorto (domenica, pasqua settimanale) subito dopo fu celebrata anche nel suo ritorno primaverile (pasqua annuale) con il Triduo pasquale che inizia con la Messa vespertina nella cena del Signore e si conclude con i Vespri della domenica di Pasqua. Più tardi il giorno finale del triduo si ampliò fino a sette settimane, secondo la tradizione della Pentecoste (cinquantina) ebraica. Infine, con l’evolversi del catecumenato per la preparazione dei nuovi cristiani, si strutturò il preludio degli altri giorni della settimana santa e dei quaranta giorni della quaresima.

In occasione dell’incontro del 6 aprile sarà possibile anche ammirare da vicino il Rotolo dell’Exsultet realizzato per la nostra chiesa cattedrale dalla maestra iconografa suor Anna Maria Giaconia e già presentato durante la festa del 2 febbraio. Si invitano pertanto, in modo particolare, tutti i componenti dei cori parrocchiali, per approfondire insieme il tema dei canti liturgici della settimana santa e del triduo, con un particolare riferimento alla veglia pasquale.

Rispondi