Commemorati a Poggio Fidoni i caduti della rappresaglia nazista

Nella Chiesa Parrocchiale San Michele Arcangelo di Poggio Fidoni (Rieti) il parroco don Luigi Greco ha celebrato una solenne Messa di suffragio dei caduti l’11 giugno 1944 della rappresaglia dei nazisti.

È una data che i discendenti delle vittime ricordano unitamente a tutti i cittadini di Poggio Fidoni per onorare i loro cari e quanti si sono immolati per la Patria e per sensibilizzare le nuove generazioni sulle atrocità della guerra che colpisce anche gli innocenti!

Al rito religioso hanno partecipato parenti dei caduti e amici che hanno vissuto quei terribili giorni di sangue.

Nell’omelia don Gino alla liturgia del giorno ha aggiunto il ricordo storico degli avvenimenti evidenziando che l’allora parroco di Poggio Fidoni, don Pietro Medicheschi, si schierò a difesa della popolazione.

Sono stati nove i caduti, tra i quali due di S. Elia Reatino. Anche il Parroco di Cerchiara, don Guido Passeri, si prodigò nella assistenza dei suoi parrocchiani. In particolare la perpetua del parroco don Pietro, che parlava correttamente il tedesco riuscì a convincere gli ufficiali tedeschi a desistere da una rappresaglia più vasta che avrebbe fatto molte vittime.

Alla Santa Messa è seguita la benedizione al monumento ai caduti i cui nomi sono stati singolarmente letti unitamente a preghiere di suffragio elevate insieme al popolo.

One thought on “Commemorati a Poggio Fidoni i caduti della rappresaglia nazista”

Rispondi