Eventi

Borgo San Pietro in festa per gli anziani della zona

Con spirito di festa e aggregazione, ogni anno, alla fine di ottobre, Borgo San Pietro diviene il punto di convergenza degli anziani del comune di Petrella Salto, per celebrare insieme all’amministrazione comunale la Festa dell’Anziano

«Una società dove non c’è posto per gli anziani, dove gli anziani vengono scartati perché creano problemi, porta con sé il virus della morte». Parole pronunciate da papa Francesco in occasione di una udienza generale, e che dovrebbero essere sempre tenute a mente.

Con questo spirito ogni anno, alla fine di ottobre, Borgo San Pietro diviene il punto di convergenza degli anziani del comune di Petrella Salto, per celebrare insieme all’amministrazione comunale la Festa dell’Anziano. E insieme ai nonni erano presenti solo il sindaco Gaetano Micaloni e i suoi collaboratori, ma anche i parroci del territorio: don Tomasz Wrona e don Tomasz Chlebowski.

È stato quest’ultimo, nell’omelia, a riprendere le parole di san Giovanni Paolo II dedicate alle persone anziane e all’importanza e del loro ruolo di loro nella famiglia e nella società: «Gli anziani aiutano a guardare alle vicende terrene con più saggezza, perché le vicissitudini li hanno resi esperti e maturi. Essi sono custodi della memoria collettiva, e perciò interpreti privilegiati di quell’insieme di ideali e di valori comuni che reggono e guidano la convivenza sociale. Escluderli è come rifiutare il passato, in cui affondano le radici del presente, in nome di una modernità senza memoria. Gli anziani, grazie alla loro matura esperienza, sono in grado di proporre ai giovani consigli ed ammaestramenti preziosi» (Giovanni Paolo II, Lettera agli anziani, 1999).

Dopo l’Eucaristia tutti hanno condiviso la gioia di stare insieme sulla mensa nel convento delle Suore Francescane di Santa Filippa Mareri.

Rispondi