Author: Fabio Zavattaro

Le parole del Papa

La guarigione del cuore comincia dall’ascolto

Francesco dice: «Ci ricordiamo di metterci in ascolto del Signore? Siamo cristiani ma magari, tra le migliaia di parole che sentiamo ogni giorno, non troviamo qualche secondo per far risuonare in noi poche parole del Vangelo»

Francesco dice: «Ci ricordiamo di metterci in ascolto del Signore? Siamo cristiani ma magari, tra le migliaia di parole che sentiamo ogni giorno, non troviamo qualche secondo per far risuonare in noi poche parole del Vangelo»

La domenica del Papa

Diminuire e condividere

"Noi amiamo aggiungere, ci piacciono le addizioni - dice Francesco -; a Gesù piacciono le sottrazioni, il togliere qualcosa per darlo agli altri"

“Noi amiamo aggiungere, ci piacciono le addizioni – dice Francesco -; a Gesù piacciono le sottrazioni, il togliere qualcosa per darlo agli altri”

Le parole del Papa

Oltre le certezze

Francesco all'Angelus: “Lasciamoci illuminare dalla luce di Cristo che proviene da Betlemme. Non permettiamo alle nostre paure di chiuderci il cuore, ma abbiamo il coraggio di aprirci a questa luce mite e discreta”

Francesco all’Angelus: “Lasciamoci illuminare dalla luce di Cristo che proviene da Betlemme. Non permettiamo alle nostre paure di chiuderci il cuore, ma abbiamo il coraggio di aprirci a questa luce mite e discreta”.

Papa Francesco

La Chiesa ribadisce la bellezza del matrimonio ma è vicina a chi fallisce

Francesco all'Angelus: «La Chiesa, da una parte non si stanca di confermare la bellezza della famiglia come ci è stata consegnata dalla Scrittura e dalla Tradizione; nello stesso tempo, si sforza di far sentire concretamente la sua vicinanza materna a quanti vivono l’esperienza di relazioni infrante o portate avanti in maniera sofferta e faticosa».

Francesco all’Angelus: «La Chiesa, da una parte non si stanca di confermare la bellezza della famiglia come ci è stata consegnata dalla Scrittura e dalla Tradizione; nello stesso tempo, si sforza di far sentire concretamente la sua vicinanza materna a quanti vivono l’esperienza di relazioni infrante o portate avanti in maniera sofferta e faticosa».

Le parole del Papa

La missione ha un centro e un volto

Francesco all'Angelus: «È proprio il Battesimo che ci rende missionari. Un battezzato che non sente il bisogno di annunciare il Vangelo, di annunciare Gesù, non è un buon cristiano».

Francesco all’Angelus: «È proprio il Battesimo che ci rende missionari. Un battezzato che non sente il bisogno di annunciare il Vangelo, di annunciare Gesù, non è un buon cristiano».

Nessuno conosce se stesso se non è tentato

In questa prima domenica del tempo che ci accompagna alla Pasqua, la liturgia ci propone il tema delle tentazioni per ricordarci, con le parole di Sant’Agostino, che nel pellegrinaggio della nostra vita non possiamo essere esentati dalle prove e il nostro progresso si compie proprio attraverso la tentazione; come scriveva il vescovo di Ippona, nessuno può conoscere se stesso se non è tentato.

Francesco: “Annunciare il Vangelo con mitezza e fermezza, senza arroganza o imposizione”

La festa del battesimo del Signore conclude il tempo liturgico del Natale e ci introduce nel tempo ordinario. Ma il battesimo nelle acque del Giordano, segna soprattutto l’inizio dell’attività pubblica di Gesù. E in questo scendere al Giordano possiamo leggere un duplice messaggio: l’umiltà del Signore che si manifesta nel gesto di accettare il battesimo da Giovanni; e la volontà di Gesù di “scendere”, di … Continua a leggere Francesco: “Annunciare il Vangelo con mitezza e fermezza, senza arroganza o imposizione” »

Il papa Francesco in dialogo con i giovani: dovete essere costruttori di ponti e non di muri

Vi giudicheranno dei sognatori perché credete in una umanità nuova, che “non accetta l’odio tra i popoli, non vede i confini dei Paesi come delle barriere e custodisce le proprie tradizioni senza egoismi e risentimenti”; ma non scoraggiatevi. È l’invito che Papa Francesco rivolge ai giovani nella messa conclusiva della trentunesima Giornata mondiale della gioventù. È l’invito a non stare con le braccia conserte, sentirsi … Continua a leggere Il papa Francesco in dialogo con i giovani: dovete essere costruttori di ponti e non di muri »

Da Czestochowa a Cracovia: 25 anni dopo, la storia bussa ancora alle porte della Gmg

Era il 1991. Nell’aria c’era ancora la polvere del muro di Berlino crollato meno di due anni prima. Papa Wojtyla aveva già visitato, l’anno precedente, la repubblica cecoslovacca, ancora unita, ed era stato accolto da un presidente Vaclav Havel, che sei mesi prima era in carcere perché dissidente. A Czestochowa, quel 15 agosto, sono i giovani che vengono dai paesi dell’est la novità della Gmg. … Continua a leggere Da Czestochowa a Cracovia: 25 anni dopo, la storia bussa ancora alle porte della Gmg »