Author: Cristiana Dobner

Papa Francesco e il grimaldello che fa saltare l’ambivalenza

Il Pastore che non guarda a se stesso ma guarda al gregge che gli è affidato, a tutto il gregge, nessuno escluso. Pastore che non ha potere né economico né politico. Pastore che non ha nulla da difendere ma anche nulla da nascondere. L’ambivalenza dettata da un annuncio gioioso che si scontra con una realtà buia può essere allora in un qualche modo sciolta? Esistono vie d’uscita? Strade parallele che conducano altrove? Realmente siamo destinati, tutti nessuno escluso, alla morte? È innegabile. È così. Proprio qui, in questo punto e non in un altro, si gioca la fede: il Risorto non ha eluso la morte, non è un immortale che ha raggiunto l’empireo cavalcando un raggio di sole e ci guarda dall’alto

“24 ore per il Signore”: non uno slogan accattivante, ma un richiamo alle coscienze

La proposta delle 24 ore dovrebbe penetrare in tutti i nostri ambienti e rivelarsi un torrente impetuoso che, scorrendo, canta e invita ad essere ascoltato. Un momento in cui il dono si fa toccare con mano e imprime alla realtà il sigillo dell’amore e non quello dell’accusa. Un sacramento che attende di essere accolto e di poter plasmare e fare di noi tutti solo degli strumenti e degli annunciatori di misericordia perché portiamo in noi stessi quella Luce che contagia

Nel dolore e nella sventura, nel terremoto della psiche e della fede, diamo credito a Dio

Quando il grido del terrore si innalza a Dio significa che, tutto sommato, Egli in un qualche modo che solo Lui conosce, è presente. Lasciar quindi esplodere paura, risentimento, accusa non fa altro che avvicinarci a Giobbe e a rendercelo fratello. Anche per lui ci fu distruzione completa e totale. Perdere affetti e cose lascia nella desolazione. Una sorta di deserto di sale che non … Continua a leggere Nel dolore e nella sventura, nel terremoto della psiche e della fede, diamo credito a Dio »

Maria Assunta è grande segno di libertà, di storia vissuta alla luce della Bellezza

In questo periodo di ferie, inoltrate o incipienti, la Liturgia di Maria Assunta apre uno spiraglio nelle dolorose tenebre che ci circondano e ci dona di contemplare la Bellezza in quella luce che promana dalla “Donna vestita di sole”. Non è indulgere ad un vago senso materno per trovare protezione oppure uno scansare elusivo dalla realtà. Piuttosto è uno scendere più a fondo, appellandosi a … Continua a leggere Maria Assunta è grande segno di libertà, di storia vissuta alla luce della Bellezza »

Elie Wiesel, l’uomo, l’ebreo, lo scrittore che “credeva in Dio contro Dio”

E’ morto un grande testimone del Novecento e delle sue barbarie. Per la follia nazista l’ebreo quindicenne, Elie Wiesel, era uno Stück, un pezzo. Niente più. Vinta la sciagurata ideologia dello sterminio divenne invece memoria vivente ed infuocata con tanti racconti, articoli, interventi, Premio Nobel per la Pace nel 1986 e ancora di più: annunciatore di Shalom. La notte si è stemperata e si è aperta … Continua a leggere Elie Wiesel, l’uomo, l’ebreo, lo scrittore che “credeva in Dio contro Dio” »

Santa Maria Maddalena e la maternità nella fede

La decisione di Francesco, vescovo di Roma, possiede una valenza nei riguardi di una donna del Vangelo, cui la storia non ha tributato l’onore che le spettava e la ha solo rivestita di un alone arduo da decifrare nel folklore locale spesso negativo e sconcertante nelle leggende e nei romanzi. Il Papa diventa un propugnatore della rivoluzione antropologica in atto che tocca la donna e … Continua a leggere Santa Maria Maddalena e la maternità nella fede »

Gesù, che si abbassa al livello dello schiavo, spazza ogni rango sociale

L’evangelista Giovanni è il solo a tramandare il gesto di Gesù, rimasto nella nostra liturgia del Giovedì Santo. Gesto noto, di cui forse troppo spesso sfugge la ragione: “avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine”. Non è il lavaggio totale del corpo che salva, come voleva Pietro, ma quanto il lavaggio dei piedi rende evidente nel simbolo: la vita eterna … Continua a leggere Gesù, che si abbassa al livello dello schiavo, spazza ogni rango sociale »

Quattordici tessere fanno grande il mosaico della vita consacrata

La prefazione a firma di Timothy Radcliffe, a suo tempo Gran Maestro dei Domenicani, spazza la strada e la spiana portandola altrove: nel regno della libertà, senza infingimenti “questo libro racchiude conversazioni meravigliose”. Dalla Confederazione benedettina all’Ordine Cistercense, passando per Carmelitani, Gesuiti, Frati Minori, Frati predicatori, Fratelli Maristi, Fatebenefratelli, Salesiani, Orionini e Verbiti, Paolini e Legionari di Cristo, per finire con l’Unione dei superiori generali. Una … Continua a leggere Quattordici tessere fanno grande il mosaico della vita consacrata »

Ferie: bisogna avere il coraggio di rifiutare i luoghi comuni

Due settimane condivise allegramente e sanamente costruiscono un tessuto connettivo con il quotidiano che si nutre e può espandersi, sempre alla luce di quel desiderio che ci abita di riconoscerci fratelli e sorelle, bisognosi di dare e ricevere amore e amicizia. Non bisogna cedere al magnetismo della moda, di quanto appare ma inganna e impoverisce a tutti i livelli. Dimmi come vai in ferie e … Continua a leggere Ferie: bisogna avere il coraggio di rifiutare i luoghi comuni »

DINANZI ALLA TRAGEDIA DEL MARE / Liberiamoci dalla lordura dello sterco del diavolo

Gli schiavisti odierni ripropongono, senza essere fermati in tempi di gps, droni e satelliti, la tratta dei neri tanto deplorata. Non basta scuotere i grandi, i potenti, le comunità internazionali o locali. Non basta neppure dare una mano (magari ci fosse qualche volta!), è necessario dare il cuore, cioè tutto se stessi, sprecarsi senza misura. Tacitare la coscienza esprimendo lo sdegno? Colpevolizzarsi? In fin dei … Continua a leggere DINANZI ALLA TRAGEDIA DEL MARE / Liberiamoci dalla lordura dello sterco del diavolo »

Giubileo Straordinario: nelle sue viscere di misericordia

El Rahum. Questo il nome che Egli si è voluto dare: El, il Dio, Rahum, degli uteri. I latini lo hanno tradotto Misericordioso. Per Lui è impossibile non accogliere chi a Lui grida. Francesco batte e ribatte in un crescendo il suo richiamo per noi che dobbiamo apprendere a ricorrere “a Lui con cuore sincero”. E invita il popolo cristiano a vivere l’Anno Santo della … Continua a leggere Giubileo Straordinario: nelle sue viscere di misericordia »

Dopo l’8 marzo. Donna umiliata, tutte umiliate

Una donna occidentale che guarda le donne dell’Isis quale reazione può avere in se stessa? Un impeto di sdegno è la prima reazione, forse incontrollata ma reale, uno sdegno colmo di dolore e, quasi, di incredulità. Poi ci sono anche le musulmane Malala e la regina Riana di Giordania. E le donne cristiane calpestate come Asia Bibi. La realtà storica, che ogni giorno ci interpella … Continua a leggere Dopo l’8 marzo. Donna umiliata, tutte umiliate »

Forte san Valentino! Ma senza cuoricini

Tutto il legame d’affetto oggi è bombardato e messo sotto accusa. Valentino invece ci richiama alla santità della coppia, alla relazione che porti alla crescita delle persone, a un amore che tale sia e non si estingua in un effimero trovarsi, lasciarsi e riprendersi, legato a un sessismo tanto sbrigliato quanto dannoso. Dalle Lupercalia, le licenziose feste pagane del mese di febbraio, al business odierno … Continua a leggere Forte san Valentino! Ma senza cuoricini »

Messaggio per la Quaresima: allontaniamoci dalle tre scimmiette

L’indifferenza verso chi incontriamo nella vita quotidiana ci spinge ad imitare i comportamenti dei tre famosi animali: turarsi gli orecchi, tapparsi gli occhi e chiudersi la bocca. Quaresima invece è ascolto, sguardo e parola di conforto. Qualunque sia stato il percorso della nostra vita, l’origine della nostra famiglia e delle relazioni interpersonali intessute, almeno una volta ci sarà capitato di leggere nel volto del nostro … Continua a leggere Messaggio per la Quaresima: allontaniamoci dalle tre scimmiette »

La Chiesa ripensa se stessa. Come farlo senza la donna?

Quando ci si accosta al mistero di Dio ci si accosta da uomo o donna ed allora affiorano sfumature, spazi e interrogativi diversi che collaborano alla costruzione del comune cammino di pellegrini nella storia. È questione di comunione non di funzionalità o di opportunità. La teologa deve poter pensare serenamente e potersi confrontare apertamente con il teologo Finalmente! È risuonata, finalmente, una parola autorevole che … Continua a leggere La Chiesa ripensa se stessa. Come farlo senza la donna? »

Sarà meglio guardarsi dalla falsa compassione

Se la vita è dono, come è dono ogni concepito, come è dono ogni figlio o figlia venuto alla luce, lo è da sempre e per sempre. A qualsiasi condizione. Non deve superare un esame di qualità per essere immesso sul mercato, il fatto stesso che è supera di gran lunga il “come” è. Non un oggetto utile o disutile, ben congegnato, ma un essere … Continua a leggere Sarà meglio guardarsi dalla falsa compassione »

Reyhaneh impiccata. Alla forca opponiamo il cuore in ascolto

La preghiera è la nostra risposta, non intesa come esorcismo, talismano, o ottundimento della ragione a favore di una giustizia celeste che salderebbe in parità i conti, ma come una postura profonda che imprime al vivere un moto altro. Una giovane vita è stata brutalmente spenta ma la battaglia contro la pena di morte deve farne un trampolino di lancio, deve arrivare a conquistare tutti. … Continua a leggere Reyhaneh impiccata. Alla forca opponiamo il cuore in ascolto »

Sinodo: né stretta né larga solo manica evangelica

Più che chiedere un sì o un no ai padri sinodali, appare vincolante chiedere come leggere la propria vita di coniugati e di genitori alla luce della Parola per non cadere in parole e in susseguenti prassi che via via si discostino sempre più dal modello evangelico. I lavori e gli intenti del Sinodo rimbalzano in monastero. La Chiesa sta cercando di rispondere allo Spirito … Continua a leggere Sinodo: né stretta né larga solo manica evangelica »

Nelle nostre preghiere il destino della famiglia

Preghiera

La richiesta di preghiera di Francesco per il Sinodo della Famiglia (28 settembre) tocca tutti e tutte indistintamente, perché investe il nucleo vitale ed ineliminabile della vita. Famiglia significa vincolo stretto ed amato, vincolo di mentalità, di pensiero donato e ricevuto. Anello che parte da una generazione e ne aggancia un’altra, con voce di tradizioni, di lingua, di gesti e di abitudini. Siamo abituati a … Continua a leggere Nelle nostre preghiere il destino della famiglia »

Crocefissioni: martiri tutti insieme, cristiani e musulmani

Il vilipendio della Croce diventa segno di comunione nell’orrore. Lo dimostra il docente universitario, musulmano, che ha affrontato la morte ma non si è scagliato contro i cristiani. La persecuzione in atto, non si fermerà: ora tocca a noi, cristiani, poi ai musulmani che non si adegueranno, poi toccherà agli ebrei. Le terrificanti fotografie dei crocefissi che in Rete si possono osservare, indubbiamente non sono … Continua a leggere Crocefissioni: martiri tutti insieme, cristiani e musulmani »

Israele-Hamas: eccesso di pace, eccesso di guerra

Dinanzi ai nostri occhi pulsa ancora, con tutto il suo vigore, quell’ulivo piantato nel Giardino della Pace in Vaticano. Non è stata una mossa diplomatica e ancor meno un ingenuo appello, è stato un grido che deve lacerare diversamente. Esattamente la nostra coscienza. Non quella civica che demanda ai governanti e quindi si sente esente da risoluzioni, bensì quella quotidiana, comune, banale, feriale. Una grande … Continua a leggere Israele-Hamas: eccesso di pace, eccesso di guerra »

Afferriamo l’ombra dell’amore malvissuto

Stiamo educando il maschio, perché negli ultimi tristi fatti, l’esplosione mortifera è di mano maschile, ad uno sguardo al proprio io che sappia dirsi e darsi risposta? Può un uomo, ancora giovane, padre di tre figli guardarli negli occhi quando ha distrutto la vita di una ragazzina che sarebbe potuta essergli figlia? Può un padre uccidere i propri figli? L’impressione del rullio dei tamburi assordanti … Continua a leggere Afferriamo l’ombra dell’amore malvissuto »

Via Crucis: nel Suo dolore i dolori dei secoli

Che senso ha lasciarsi coinvolgere? Per quale ragione riesumare una tragedia? Indubbiamente non perché si guarda tutto con un ottimismo ingenuo: dal traguardo ottenuto, tutto risulta diverso. Certo, tanto risorge ed allora i conti tornano. Perché non tornano nell’aritmetica umana, solo nell’alchimia gratuita dell’amore fiorisce la misericordia salvifica. Non è un rito scaramantico per placare divinità irate e costringerle a chinarsi sull’umanità con benevolenza. Non … Continua a leggere Via Crucis: nel Suo dolore i dolori dei secoli »

La “vocazione” non è un business evangelico

Nella vita di un consacrato l’aritmetica viene rovesciata e la vita di dedizione non va computata come il registro di un’azienda: se lo Spirito chiama ma noi siamo pochi e poche, non dovremmo sintonizzarci con Lui e avere il coraggio di una dedizione incondizionata invece di guardare al numero e procedere con metodi da schiavisti e negrieri? Per dirla chiaramente. Noi religiosi e religiose ci … Continua a leggere La “vocazione” non è un business evangelico »

Un mese fa Francesco

Papa Francesco

Sei gesti d’autore: l’inchino al popolo, la carezza a Cesare, l’Ok alla sua gente, i poveri nella testa e nel cuore, l’incontro con Benedetto, la lavanda dei piedi ai detenuti. Un racconto in sei gesti di questo primo mese di pontificato. L’inchino al popolo Il Vescovo di Roma, come ama chiamarsi Francesco I, non intende i suoi primi passi come l’inizio di un regno ma … Continua a leggere Un mese fa Francesco »

Elezione di Papa Francesco: le chiavi nelle sue mani

Papa Francesco (Jorge Mario Bergoglio)

Ringraziamo Papa Francesco per aver accettato, magari avendo compiuto dentro di sé lo stesso percorso di Giona, ma avendo poi aperto le mani per accoglierle e stringerle. Il genio di Michelangelo, di una persona umana, proprio come noi, soffio di Bellezza donato a tutta l’umanità nei secoli, è stato unito indissolubilmente con il Soffio, con lo Spirito Santo, il Dono che, passando per le menti … Continua a leggere Elezione di Papa Francesco: le chiavi nelle sue mani »

Benedetto XVI: nelle dimissioni lo sguardo della Carità

Benedetto XVI

Benedetto ha attraversato il deserto e ha visto la luce. Il suo gesto coraggioso, di grandiosa gratuità, cambia il corso della storia. La persona cresce, si sviluppa e armonizza seguendo la sua coscienza, quando poi è cristiana, per propria scelta e non per conformismo o per vana eredità, la sua coscienza prende corpo e si incarna guardando la coscienza del Maestro, di Gesù Cristo. Papa … Continua a leggere Benedetto XVI: nelle dimissioni lo sguardo della Carità »

Messaggio per la Quaresima: gioia d’esser secondi

Candela

Nell’armonioso rapporto tra fede e carità, tutte le nostre umane salite e discese. Nasciamo uomo o donna ma dobbiamo diventare persone, crescere per dispiegare quanto ricevuto, comprendere i nostri talenti e afferrare, procedendo nella storia personale, familiare e di tutta l’umanità, quale tonalità debba assumere nel grande mosaico della storia la nostra personale tessera. Papa Benedetto in questa Quaresima che si sta aprendo, ci offre … Continua a leggere Messaggio per la Quaresima: gioia d’esser secondi »

Epifania: una luce stellare

Magi

Epifania: quel cammino e quell’arrivo dei Magi che senso hanno oggi? La narrazione evangelica la conosciamo tutti, forse perché popolare e popolarizzata al massimo con la sua riduzione a… Befana, con tutto il contorno mediatico e di astuto business commerciale, risulta però estranea teologicamente, nel senso che la fede riflessa e matura (o almeno in cerca di maturazione) pone interrogativi che rimangono senza risposta, e … Continua a leggere Epifania: una luce stellare »

Un gesto così strano: la scelta di Gesù di staccarsi dai suoi genitori

Il Tempio è il luogo della Presenza di Dio alla storia e alla persona umana. Oggi, dopo la terribile distruzione del 70 d. C., non ne rimane che un muro, non una sorta di rovina o di rudere antico da ammirare, detto “Muro del Pianto” ed in ebraico Kotel. Vi si radunano gli ebrei per esprimere la loro adesione all’alleanza con il Creatore e pregare … Continua a leggere Un gesto così strano: la scelta di Gesù di staccarsi dai suoi genitori »