Acqua

Aps: «Società in crescita e pronta a 60milioni di euro di investimenti»

APS incontra le Organizzazioni Sindacali territoriali e regionali di categoria. Al tavolo hanno partecipato Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Al centro del confronto lo sviluppo economico e organizzativo della società, il ruolo delle risorse umane, l’ampliamento dei servizi all’utenza e il Piano industriale 2020-2023

I vertici di Acqua Pubblica Sabina, a partire dal Presidente Maurizio Turina, hanno incontrato oggi i rappresentanti territoriali e regionali di categoria di Cgil, Cisl, Uil e Ugl.

L’incontro, fortemente voluto dalla Società nell’ottica del sistema delle relazioni sindacali nato già con i primi atti fondanti della Società, si è svolto in un clima di forte collaborazione e con unanime soddisfazione degli intervenuti. L’occasione è stata utile per fare il punto sul percorso di crescita di Acqua Pubblica Sabina e sui piani di sviluppo per i prossimi anni.

APS SUL TERRITORIO: NEL 2020 SERVITO QUASI IL 90% DEGLI UTENTI ATO3. CRESCE LA FORZA LAVORO DISTRIBUITA SULLE AREE OPERATIVE

Acqua Pubblica Sabina prosegue nel processo di acquisizione delle gestioni del servizio idrico e, nel corso del primo semestre del 2020, ha raggiunto una percentuale di utenti serviti pari all’89,01%. Parallelamente aumenta lo sforzo societario dal punto di vista della dotazione di risorse umane. A giugno 2020, infatti, sono 90 le persone impiegate nel servizio, con una crescita di 10 unità rispetto a dicembre 2019 e un’attenzione particolare ai settori tecnici degli impianti, reti, depurazione e commerciali con i rapporti con l’utenza, che ad oggi assorbono buona parte delle risorse umane aziendali.

APS PER GLI UTENTI: SPORTELLI, UFFICI UTENTI E SPORTELLO WEB

Uno sforzo notevole è stato riservato in questi anni alla strutturazione di un rapporto di qualità ed efficiente con l’utenza. APS già da tempo è presente sul territorio con due Sportelli a Rieti e Palombara Sabina (RM) ed è in procinto di aprire due Uffici Utenti presso Magliano Sabina e Borgorose, in una logica di copertura completa delle 4 aree operative in cui è stato suddiviso il territorio di competenza. A questi si aggiungeranno ulteriori due Uffici Utenti, per cui il Gestore si sta organizzando con mezzi e forze in campo. Ulteriori servizi resi all’utenza, sono quelli del contact center, il numero verde utenti – 800211330 attivo negli orari di apertura dello sportello – e il numero verde emergenze e guasti – 800210992 attivo tutti i giorni, H24. Altra importante iniziativa di APS, operativa già dal mese di luglio 2020, è stata introdotta con lo Sportello Web sul sito www.acquapubblicasabina.it, uno strumento attraverso il quale, da remoto anche tramite smartphone, gli utenti possono effettuare autonomamente un ampio ventaglio di operazioni: pagamento delle fatture, gestione dei contratti, invio di autoletture, consultazione dei consumi, richiesta informazioni e invio reclami.

INNOVAZIONE E SICUREZZA NEL LAVORO

Di primaria importanza il percorso di innovazione delle metodologie di lavoro che APS sta portando avanti, avendo tra le priorità l’efficientamento del servizio e la sicurezza dei lavoratori. È in corso l’implementazione del modello organizzativo denominato “Work Force Management” che punta, tra gli altri obiettivi, ad efficientare e ottimizzare il lavoro delle squadre tecniche dislocate nel territorio. I tecnici, infatti, muniti di tablet, avranno la possibilità di avere in tempo reale le informazioni georeferenziate per operare su guasti e servizi a rete. A questo si aggiunge il progetto “Uomo Solo” attraverso il quale APS ha già adottato una soluzione innovativa e unica sul territorio provinciale, per gestire i rischi potenziali per i lavoratori chiamati ad operare in solitaria.

2020-2023: UN PIANO INDUSTRIALE AMBIZIOSO E ATTESO DAL TERRITORIO

Nel corso dell’incontro con le Organizzazioni Sindacali sono stati presentati anche gli obiettivi e le linee guida del Piano industriale 2020-2023 che punta a completare la fase di start-up dell’azienda, ad aumentare progressivamente le performance societarie e a creare valore per il territorio, per raggiungere, nel medio termine, i top performer del settore su scala regionale e nazionale. Nel periodo 2020-2023, considerando gli investimenti possibili grazie agli importi derivanti dall’accordo di Interferenza d’Ambito ATO2-ATO3 ed altri contributi pubblici, si arriverà a 60.000.000€ di investimenti, materiali e immateriali. Mediamente circa 15.000.000€ all’anno che corrispondono ad un investimento annuale per unità di popolazione pari a oltre 80€ per abitante, di gran lunga superiore al dato medio dell’Italia centrale che è attestato a 42€ per abitante.

TURINA: “COOPERARE PER COMPETERE”

“E’ stata una giornata importante di confronto e ascolto con tutte le organizzazioni sindacali che, fin dall’avvio della società, hanno rappresentato un valido sostegno al percorso di crescita – commenta il Presidente di APS, Maurizio Turina – L’obiettivo che ci siamo dati e che stiamo perseguendo è quello di cooperare per competere al meglio e rendere Acqua Pubblica Sabina sempre più performante, efficiente ed utile al territorio”.

Rispondi