Antartide: al “Vittoriano” le foto del reatino Palozzi per celebrare i 30 anni del Programma Nazionale

Si inaugura al “Vittoriano” di Roma la mostra multimediale per celebrare i 30 anni del “Programma Nazionale di Ricerche in Antartide” con i documentari e le fotografie di Roberto Palozzi.

Lunedì prossimo, 5 ottobre, alle ore 18, sarà inaugurata presso il Complesso del Vittoriano in Roma, Sala della Gipsoteca, la mostra multimediale intitolata: “Missione Antartide. 30 anni di ricerca italiana nel continente estremo”.

La mostra – che durerà 1 mese – ha lo scopo di celebrare e illustrare i luoghi e gli scopi dei primi 30 anni del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA); e par fare questo, tra le altre cose, è stato chiesto al regista e autore TV reatino, Roberto Palozzi, di realizzare il documentario commemorativo dell’evento, che verrà proiettato sul maxischermo posto all’inizio del percorso multimediale, per tutta la durata della mostra.

Inoltre alcune delle fotografie scattate da Palozzi al Polo Sud nel corso delle sue spedizioni (anche subacquee) in Antartide sono state scelte per allestire una straordinaria esposizione fotografica all’interno della mostra, insieme a quelle di altri 2 grandissimi autori internazionali: il celebre fotografo canadese di National Geographic, Paul Nicklen e l’italiano, super esperto di fotografia industriale e scientifica, Enrico Sacchetti.

«È certamente un onore enorme e inaspettato – ha dichiarato Roberto Palozzi – che mi inorgoglisce come non mai. Certamente rappresenta il più grande riconoscimento che potesse essere tributato al mio lavoro svolto nelle tante campagne polari a cui ho partecipato. Ed essere stato chiamato a raccontare l’Antartide anche attraverso le mie immagini fotografiche, insieme a due fotografi come Paul Nicklen ed Enrico Sacchetti, è veramente il più bello di tutti i premi».

«Il documentario che ho realizzato per il PNRA si intitola “L’Italia in Antartide” ed è stato prodotto sia in italiano che in inglese, con lo scopo di farlo girare in tutto il mondo e nei consessi scientifici internazionali. Vi si racconta la bellezza, l’immensità e la durezza del Polo Sud, dagli altopiani di alta quota ai fondali dell’Oceano Antartico, con un focus particolare sulle due stazioni polari italiane, “Mario Zucchelli Station” e “Concordia”» aggiunge Palozzi.

All’inaugurazione di lunedì prossimo sarà presente il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Stefania Giannini. La mostra resterà aperta fino al 2 novembre.

Rispondi