Scuola

All’Artistico lo stArt è condiviso con i genitori: una progettualità nuova per una scuola aperta e inclusiva

Giovedì 12 settembre al Liceo Artistico “Calcagnadoro” di Rieti suonerà la prima campanella: le matricole verranno accolte con i genitori il primo giorno di scuola così potranno conoscere insieme ai loro figli le tante attività e il regolamento scolastico

Giovedì 12 settembre al Liceo Artistico “Calcagnadoro” di Rieti suonerà alle 8.15 la prima campanella, dando così inizio al nuovo anno scolastico. Questo liceo è conosciuto per essere una scuola accogliente, ma anche luminosa e colorata, tecnologica e immersa nel verde del paesaggio.

Un must per gli adolescenti di oggi. Le matricole verranno accolte con i genitori il primo giorno di scuola così potranno conoscere insieme ai loro figli le tante attività, il funzionamento pratico dell’istituto, il suo regolamento, le potenzialità di un corretto patto educativo genitori-figli-docenti. I genitori potranno fermarsi dalle 8.15 alle 11.00 e partecipare attivamente al dialogo con i docenti che illustreranno le novità della scuola e risponderanno a tutte le loro domande: un modo per condividere con i loro figli l’ansia del primo giorno.

Una “ricreazione lunga” (10.30 – 11.00) e un buffet offerto dai docenti per le matricole e i loro genitori sarà un modo per rendere il contesto più accogliente sin dalle prime ore dell’anno scolastico. Infatti il progetto “Accoglienza”, della durata di tre giorni, rivolto alle classi prime ha proprio questo scopo: condividere ansie ed emozioni, conoscersi meglio, creare relazioni positive e costruttive contrastando da subito l’abbandono scolastico e potenziando il più possibile l’orientamento formativo. Grazie ai tutor, cioè 6 studenti delle classi V formati dalla psicologa del CIC, verranno realizzati in classe giochi di conoscenza di gruppo e di integrazione (gioco del gomitolo, circle time, indovina la foto, braim storming ecc) per favorire la relazione tra pari e per rendere più amichevole l’approccio con la scuola, la motivazione allo studio, la frequentazione assidua in un ambiente aperto, coinvolgente e accogliente.

Viste le caratteristiche del Piano dell’Offerta Formativa del “Calcagnadoro”, quest’anno si cercherà di privilegiare un’azione didattica mirata all’integrazione, all’essere cittadini europei e del mondo con il potenziamento dei progetti in lingua inglese. Oltre alla partecipazione attiva e propositiva con contributi della scuola alle giornate d’inverno del FAI, la scuola svilupperà con altri partner percorsi formativi. Tra questi citiamo i progetti con i Carabinieri Forestali e con l’Arci. Un’attenzione speciale verrà riservata ai temi della mobilità sostenibile, dell’educazione al rispetto dell’ambiente e all’educazione a pratiche più virtuose e consapevoli in merito alla crisi del clima.

Quanto più possibile la scuola verrà incontro alle esigenze del singolo alunno, a incoraggiarne il processo di consapevolezza nell’autovalutazione, nella conoscenza di sé, nel potenziamento dell’autostima, nella motivazione allo studio, nell’organizzazione del metodo di lavoro creativo. Particolare attenzione e riguardo si darà all’inclusione degli studenti diversamente abili, DSA e a quelli con bisogni educativi speciali, proponendo dei percorsi didattici nuovi e coinvolgenti.

Nel corso dell’anno, oltre ai progetti di indirizzo e alla partecipazione ai bandi di concorso, la scuola darà significativo spazio culturale alla conoscenza più profonda delle figure apicali di Leonardo e di Raffaello di cui ricorrono festeggiamenti in tutta Italia.

Rispondi