Alessia Arena vince il Premio Poggio Bustone

Alessia Arena si è aggiudicata con Malacattiva il primo premio della dodicesima edizione del Premio Poggio Bustone. Al secondo posto Livio Livrea, mentre la terza classificata è Cristiana Verardo. Il Premio Personalità Artistica è andato a Nico Maraja a cui è andato anche il premio per la miglior cover.

«Un’edizione veramente particolare: abbiamo cambiato periodo, da settembre ad aprile. Abbiamo cambiato location: dopo anni di freddo e di pioggia, siamo riusciti a portare i nostri artisti in questo splendido e raffinato spazio teatrale. Insomma tanti cambiamenti e tanta soddisfazione»: questo il commento di Maria Luisa Lafiandra, direttore artistico del Festival che ha anche, come tradizione, presentato la serata.

Ha aperto la serata Simone Cocciglia, vincitore della Premio Poggio Bustone 2013, con il suo inedito La pozzanghera. Ospite d’onore invece Anonimo Italiano che ha chiuso la serata con la sua interpretazione di Emozioni.

Ai primi classificati andrà una giornata di registrazione presso i Forward Studios, ai secondi sei mesi di promozione offerti da 4Arts Spettacolo e Lavoro sul portale. Infine, ai terzi classificati il negozio di strumenti musicali Musicisti di Rieti offrirà materiali musicali per il valore di trecento euro.

Il Premio alla Personalità Artistica consisterà, invece, in un servizio di promozione stampa di sei mesi messo a disposizione grazie ad una borsa di studio offerta dalla Fondazione Varrone: un riconoscimento pensato per valorizzare la complessità artistica di un artista, con le sue qualità musicali, artistiche, letterarie ed interpretative. E per dare loro, quindi, la giusta visibilità.

Alla giovane Maria Flavia Zannetti, diciasettenne di Rieti, è andato invece il riconoscimento Promessa Premio Poggio Bustone 2016.

Rispondi