Solidarietà

Alcli, i dolci di Adelmo Renzi per i malati oncologici

Un Natale diverso anche per l'Alcli che dopo oltre vent'anni di vendita dei torroni natalizi, ha dovuto sospendere questa attività di autofinanziamento a causa delle stringenti normative anti Covid: ma a donare dolce solidarietà ci ha pensato la Torteria di Adelmo

Un Natale diverso anche per l’Alcli che dopo oltre 20 anni di vendita dei torroni natalizi, ha dovuto sospendere questa attività di autofinanziamento a causa delle stringenti normative anti Covid.

«Voglio dire comunque grazie a tutti coloro che già da settiman e ci hanno chiesto dei torroni – afferma la presidente Santina Proietti – era diventato per tutti noi e per la comunità un appuntamento solidale che ci ha consentito di sostenere tante attività come il trasporto ai malati, l’assistenza domiciliare, la Casa di Accoglienza».
I torroni di Natale distribuiti in tutta la provincia hanno sempre avuto una calorosa accoglienza da parte di tutti i cittadini.

«Il Natale però ci regala sempre belle emozioni e noi abbiamo accolto anche quest’anno la generosa proposta della Torteria di Adelmo che nel 2019 in occasione del suo anniversario di riapertura aveva donato il ricavato delle vendite per il progetto di ricerca Ce.Ca.Re.P, e quest’anno ha voluto dedicare tre giornate alla solidarietà: 8,13 e 20 dicembre».

I dolcetti della tradizione preparati dalle figlie dello storico pasticcere Adelmo, creatore della famosa “mimosa”, saranno confezionati anche con il logo dell’Alcli.

«Abbiamo pensato che con il nostro piccolo logo sulle confezioni, potevamo entrare nella case dei reatini che ci hanno sempre sostenuto e condividere idealmente la convivialità natalizia, come abbiamo sempre fatto con i torroni e continuare, con questa nuova iniziativa, a sostenere i nostri malati, che adesso più che mai, hanno necessità di essere aiutati e difesi – sottolinea la Proietti – ringrazio tanto Maria Rosaria Renzi e le altre figlie di Adelmo per aver pensato, anche in questo Natale così difficile e critico, agli altri».

Nelle giornate dell’8, 13 e 20 dicembre, parte del ricavato delle vendite dei dolci natalizi sarà devoluto all’Alcli Giorgio e Silvia.

Rispondi