Alcli “Giorgio e Silvia”, approvato il bilancio 2019: «Ciò che è bene e buono non può fermarsi»

In una sala riunioni rigorosamente allestita secondo le normative anti Covid, si è svolta il 24 settembre l’annuale Assemblea dei soci dell’Alcli per l’approvazione del bilancio 2019

In una sala riunioni rigorosamente allestita secondo le normative anti Covid, si è svolta il 24 settembre l’annuale Assemblea dei soci dell’Alcli per l’approvazione del bilancio 2019 che dal 23 aprile è stata necessariamente spostata a settembre a causa del covid.

Vista la capienza di soli 60 posti, sono state cambiate anche le modalità di votazione, prevedendo per i soci anche un collegamento ad una piattaforma per la votazione on-line. Solo grazie ad un grande impegno dei volontari e del consiglio direttivo è stato possibile svolgere l’assemblea in sicurezza. Nell’arco del pomeriggio i soci hanno potuto valutare l’attività di un intero anno dell’associazione.

La presidente Santina Proietti ha evidenziato la grave situazione del terzo settore, citando diverse associazioni di volontario in Italia che hanno chiuso in conseguenza della diffusione del coronavirus Covid-19. L’Alcli grazie all’impegno e all’entusiasmo di tutti i volontari e di tutte le persone che continuano a riporre fiducia nell’associazione, ha potuto garantire senza sosta, l’aiuto e all’assistenza ai malati anche durante i mesi più difficili della pandemia. «Non si possono cancellare 33 anni di storia – ha sottolineato la Presidente – sappiamo che nulla sarà più come prima, ma abbiamo imparato tanto dai nostri malati e da chi non è più tra noi e la forza ce la dà la grande famiglia dell’Alcli».

Dopo i saluti della presidente, è seguito quello affettuoso di don Fabrizio Borrello, guida spirituale dell’associazione: «Ciò che è bene e buono non può fermarsi. Un’opera buona e vera come quella dell’Alcli, Dio la proteggerà e consentirà ai volontari la possibilità di dare aiuto».

Nella relazione sociale la Presidente ha illustrato i numerosi servizi che svolge attualmente l’associazione a supporto della Asl di Rieti. Grazie alla meticolosa relazione di bilancio elaborata dal vice presidente dell’Alcli Emilio Garofani, ogni attività illustrata dalla presidente Santina Proietti è stata accompagnata dalle relative voci economiche. Il Collegio sindacale rappresentato in assemblea dalla presidente Antonella Fagiolo ha giudicato attendibile, veritiero, corretto e conforme alle norme. Il vice Presidente Garofani tra i fondatori dell’associazione ha risposto a diverse domande dei soci sia in sala che tramite piattaforma, dando puntuali delucidazioni sull’operato dell’Alcli.

E’ intervenuto per una veloce relazione il Prof. Vincenzo Mattei, il referente del Progetto Cecarep; presenti in sala anche i referenti volontari degli altri progetti dell’Alcli: per il Progetto Alessandra Marco Rosati e Roberta Giovannelli e per Alcli Donna, Marisa Sciarrini e Fiorella Eleuteri.

Alcuni numeri del 2019: trasporti dei malati: 91644 km; assistenza domiciliare: 268 interventi comprese trasfusioni a domicilio; sportello Rete K: 2768 cittadini si sono rivolti allo sportello per informazioni; Casa di Accoglienza: 51 ospiti; Alcli Donna: 1150 nominativi per gli screening; progetto Alessandra: 176 parrucche.

«La possibilità di aiutare tanti malati ci viene data dai soci, 507 attualmente e speriamo sempre di più, dalle donazioni, dalle manifestazioni a noi dedicate, dalle nostre campagne di Natale e Pasqua con la vendita dei torroni e delle uova, insomma sono davvero tante le persone da ringraziare che ci danno la possibilità di sostenere le persone da 33 anni. Grazie di cuore a tutti», ha concluso la Presidente Santina Proietti.

Rispondi