Eventi

Al via il Natale di Rivodutri, nel segno del Presepe

L'amministrazione comunale di Rivodutri, coinvolgendo associazioni, comitati e singoli cittadini, con il contributo della Regione Lazio, ha messo a punto un programma ricco di manifestazioni, che hanno lo scopo di interessare abitanti, turisti e tutti coloro che vorranno riscoprire il territorio

Tornerà a breve il periodo più bello e atteso dell’anno e troverà un paese addobbato a festa, vestito di luci e di colori, desideroso di immergersi in quel clima magico di attesa e meraviglia tipico di questa festività. Con questo spirito il Comune di Rivodutri, presenta le novità del cartellone degli eventi del Natale 2019.

L’amministrazione comunale di Rivodutri, coinvolgendo associazioni, comitati e singoli cittadini, con il contributo della Regione Lazio, ha messo a punto un programma ricco di manifestazioni, che hanno lo scopo di interessare abitanti, turisti e tutti coloro che vorranno riscoprire il territorio.

Evento principale si conferma, naturalmente, il presepe subacqueo delle Sorgenti di Santa Susanna, giunto quest’anno alla ventiquattresima edizione.

La rappresentazione della Natività all’intero delle gelide e purissime acque di quella che è tra le sorgive più grandi d’Europa per portata (nonché monumento naturale della Regione Lazio), evento unico nel Centro Italia, è un appuntamento ormai imperdibile nella Valle del Primo Presepe, realizzato nella vicina Greccio nel 1223 da San Francesco. L’inaugurazione, a cura della Pro loco Rivodutri, avverrà sabato 7 dicembre alle 15 alla presenza del vescovo di Rieti. Il presepe, illuminato da un nuovo sistema di luci che rendono il sito ancor più suggestivo ed emozionante, sarà visitabile gratuitamente e senza limitazioni d’orario fino alla successiva festa dell’Epifania.

Ma Rivodutri, quest’anno, sarà anche la patria del “Presepe diffuso”: in tutti i siti attrattivi del Comune e nelle frazioni, verranno realizzate installazioni che riproducono la Natività, con stili e materiali diversi, ma tutte accomunate dalla volontà di riproporre il simbolo dell’amore, della condivisione e della vicinanza, come indicato nella recente visita di papa Francesco a Greccio. Sarà possibile, ad esempio, visitare il primo presepe (a grandezza naturale) ricostruito sotto il maestoso Faggio di San Francesco, o ammirare la Natività nella ricostruzione minuziosa ed elegante del borgo di Apoleggia, così da proporre agli avventori un percorso tra le bellezze e le peculiarità del luogo e le varie scene natalizie. Le istallazioni, realizzate dall’A.s.d. Turbolenti, verranno inaugurate domenica 22 dicembre.

Il presepe, segno tangibile della cultura e delle tradizioni locali, ma anche espressione artistica di tutte le culture su un tema patrimonio dell’Umanità, sarà anche al centro della mostra realizzata nella sala consiliare, in Piazza del Municipio a Rivodutri, con una selezione di presepi di grande pregio, provenienti dal Museo dei presepi di Greccio (inaugurazione sabato 14 dicembre).

Ricco anche il cartellone degli eventi. Dalla Giornata dell’Anziano (domenica 8 dicembre) per festeggiare i nonni, portatori di esperienze di vita dal valore inestimabile, alla manifestazione Not(t)e di Natale: tre concerti di musica sacra nelle principali Chiese del territorio comunale del duo MaryEm a cura della Ass.ne Studi Musicale Pitoni (23 dicembre, 1 e 6 gennaio) e due concerti della “Banda Musicale G. Verdi” di Rivodutri (22 e 29 dicembre), con il repertorio della tradizione natalizia e non solo. Infine, i bambini, veri destinatari della magia del Natale, potranno godere di spettacoli teatrali (nelle scuole e nell’aula consiliare) con la regia di Federica Sutter, e giochi a loro dedicati.

L’Amministrazione comunale si augura che tutti gli eventi proposti rendano piacevoli e soprattutto socialmente e culturalmente attraenti le prossime festività, coinvolgendo la più ampia fascia di popolazione possibile nelle attività di intrattenimento, al fine di garantire -ai cittadini di ogni età- la possibilità di vivere l’esperienza di un paese che cresce anche nella qualità della vita.

Rispondi