Acqua Pubblica Sabina

Acqua Pubblica Sabina, misure organizzative e agevolazioni

Servizio idrico: lo sforzo organizzativo di APS nel periodo d’emergenza. Garantito il servizio essenziale e la piena operatività dell’azienda e agevolazioni per gli utenti

Anche nel periodo d’emergenza, grazie ad un tempestivo ed eccezionale sforzo organizzativo, Acqua Pubblica Sabina riesce a garantire in maniera ottimale il Servizio idrico a tutte le utenze del territorio di ATO3.

Innovative soluzioni di telelavoro e lavoro agile, una diversa e più adeguata rimodulazione dei turni del personale e alcuni strumenti di salvaguardia dell’occupazione – di natura temporanea – come la Cassa Integrazione Ordinaria parziale, stanno permettendo di affrontare efficacemente una fase particolarmente complessa senza intaccare la qualità del servizio fornito alla cittadinanza, anche nelle cosiddette “zone rosse” di Nerola (Rm) e Contigliano (RI).

Dal punto di vista operativo, APS è presente sull’intero territorio servito attraverso squadre di addetti la cui organizzazione è stata rimodulata per rispondere al meglio alle esigenze del periodo ed è in grado di garantire i principali interventi di manutenzione – sulla rete di adduzione e distribuzione, negli impianti di depurazione e sul resto delle infrastrutture – secondo una scala di urgenze costantemente monitorata e aggiornata.

Prosegue senza interruzioni anche il lavoro strategico di programmazione, con le attività tecniche e di progettazione degli interventi previsti nei prossimi mesi sul territorio di ATO3.

APS, consapevole del momento di difficoltà degli utenti, ha inoltre potenziato e ampliato il SISTEMA DI AGEVOLAZIONI PER GLI UTENTI prevedendo:

• la sospensione, a partire dal 1° marzo 2020, di ogni attività di recupero della morosità attraverso riduzione/sospensione del flusso idrico, ma anche ogni attività relativa al calcolo dei conguagli tariffari per i periodi pregressi su utenze rilevate a lettura
• l’estensione di ulteriori 30 giorni dei termini di pagamento di tutte le bollette in scadenza dal 1° marzo 2020 in avanti, senza procedere a solleciti né conteggio degli interessi di mora
• la possibilità, dietro motivata richiesta, di definire piani di rientro dilazionati personalizzati
• l’immediata estensione delle agevolazioni relative al bonus idrico, oltre che alla tariffa idrica anche alla tariffa relativa a depurazione e fognatura.

«Ci siamo attivati da subito, e tra i primi nel territorio, per rimodulare l’organizzazione aziendale in maniera innovativa e funzionale. A distanza di qualche settimana dall’avvio del periodo di emergenza – dichiara il Presidente di APS, Maurizio Turina – possiamo affermare che l’obiettivo di garantire il servizio e la piena operatività dell’azienda è stato raggiunto».

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *