Sindacati

A Rieti arriva il tour nazionale dell’UGL “Il Lavoro Cambia anche Noi!” verso il primo maggio

Oggi alle ore 10 arriva in piazza Cesare Battisti a Rieti la quindicesima tappa del tour itinerante promosso dall’UGL in occasione della Festa del Lavoro

Oggi lunedì 19 aprile alle ore 10 arriva in piazza Cesare Battisti a Rieti, la quindicesima tappa del tour itinerante promosso dall’UGL in occasione della Festa del Lavoro col motto “Il Lavoro Cambia anche Noi!”.

Il sindacato ha deciso di essere al fianco dei lavoratori con trenta appuntamenti che si snoderanno lungo l’Italia e che si concluderanno sabato primo maggio a Milano.

L’obiettivo è quello di raggiungere nei singoli territori i propri iscritti, i dirigenti e tutti i lavoratori alle prese con una crisi economico-sociale che sta acuendo le disuguaglianze.

All’incontro, tra gli altri, prenderanno parte: Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, Armando Valiani, Segretario Regionale UGL Lazio, e Pietro Santarelli, Segretario Utl Rieti.

L’idea nasce dalla volontà dell’UGL di rivendicare la centralità del lavoro, andando nelle piazze, nelle fabbriche e nelle realtà produttive di tutto il Paese.

«Siamo qui a Rieti per ribadire la centralità del lavoro e la valorizzazione delle specificità territoriali. La pandemia ha colpito il tessuto economico della città con ripercussioni drammatiche sotto il profilo occupazionale. Come sindacato UGL chiediamo che la riforma degli ammortizzatori sociali interessi anche il settore agroalimentare. La leva fiscale è altresì da utilizzare per favorire i processi di aggregazione sul territorio, le attività di trasformazione e il consumo consapevole da parte dei cittadini. Il ministero delle politiche agricole dovrebbe anche attivare un canale con gli enti locali per favorire e sostenere la costituzione di mercati a chilometro zero e la consegna a domicilio. Occorre, inoltre, sfruttare l’impulso che può derivare dalla digitalizzazione per rendere efficace l’e-commerce, sostenendo le imprese nella transizione digitale e riducendo il digital divide nei territori a vocazione agricola. In tale contesto l’accelerazione della campagna vaccinale sarà fondamentale per garantire la ripresa economica e la tenuta sociale». Lo hanno detto in una nota congiunta Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL e il Segretario Regionale UGL Lazio, Armando Valiani.

Dopo Roma, Napoli, Messina, Reggio Calabria, Matera, Brindisi, Bari, Campobasso, San Salvo, Pescara, L’Aquila, Frosinone, Fiumicino, Cagliari e Rieti, il viaggio lungo le realtà italiane proseguirà a: Terni, Firenze, Arezzo, Civitanova Marche, Ancona, Bologna, Venezia, Trieste, Monfalcone, Verona, Trento, Riva del Garda, Genova, Aosta, Torino e Milano.

Rispondi