A Poggio Mirteto scambio giovanile internazionale su disabilità e media

Contrastare azioni di bullismo e cyberbullismo e promuovere la sicurezza online dei minori e dei diversamente abili: sono questi i due maggiori focus del progetto di mobilità giovanile che si terrà in questi giorni presso la Tenuta Sant’Antonio di Poggio Mirteto. Promosso dalla YMCA Parthenope ONLUS e cofinanziato dal programma europeo Erasmus Plus, lo scambio giovanile internazionale vedrà coinvolti 36 partecipanti provenienti da Italia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Irlanda e Repubblica di Macedonia. Un’esperienza formativa, dunque, che intende approfondire i temi della disabilità e il rapporto dei giovani con i Media coniugati con l’apprendimento interculturale.

Il nome del progetto è “MediAware: Empowering Youth in the Digital World”. Esso indica quelli che sono gli obiettivi formativi del progetto, tra cui aumentare la consapevolezza e la capacità dei giovani e giovanissimi di capire, analizzare e interpretare i contenuti multimediali e, allo stesso tempo, promuovere comportamenti sicuri e responsabili nel mondo del Web. Luca Paolisso, vicepresidente della  YMCA Parthenope ONLUS nonché ideatore e facilitatore dello scambio giovanile aggiunge:  “Fino al 23 Luglio, Poggio Mirteto ospiterà 6 gruppi nazionali, ogni gruppo sarà composto da 4 giovani (14-19 anni) e due leader (18+) che assumeranno la cura particolare di cui hanno bisogno i partecipanti minorenni e i diversamente abili. Per raggiungere gli obiettivi progettuali, il nostro team di facilitatori utilizzerà strumenti offerti dalla fotografia, dal videomaking e dal web.  Attraverso queste attività, i giovani coinvolti, oltre a sviluppare e condividere conoscenze di base, potranno imparare ad esprimersi di più e meglio attraverso l’uso consapevole dei media.”

Infine, mercoledì 20 Luglio, alle ore 19 presso la Tenuta Sant’Antonio, sarà realizzato un evento pubblico, gratuito e aperto a tutti, in cui i partecipanti al progetto potranno esprimere tutta la loro creatività e mostrare alla cittadinanza i risultati ottenuti durante i numerosi workshop artistici in programma.

Per maggiori informazioni, consultare il sito http://www.ymcaparthenope.eu/

Rispondi