31 ottobre: la 93° giornata mondiale del risparmio

Nell’ottobre del 1924 si tenne il 1° Congresso Internazionale del Risparmio, il cui scopo era studiare gli Istituti e i mezzi per la raccolta e la tutela del risparmio. A ricordo di tale evento, si decise di istituire una Giornata Mondiale del Risparmio: un giorno da dedicare completamente alla diffusione dell’idea di
risparmio con la parole, le immagini e i principi.

Oggi, nel 2017, sembra un paradosso il 31 Ottobre: Halloween, una delle feste che più ci spinge a consumare, e la 93° giornata mondiale del risparmio. Moltissimi gli eventi in tutta Italia dedicati al risparmio, ad esempio quelli organizzati a Torino intorno al Museo del Risparmio o tutti quelli organizzati direttamente dalle banche e dagli istituti di credito.Al di là dei tecnicismi (per i quali più della metà di noi preferisce fare affidamento ad un comercialista o un contabile esperto) in che modo il risparmio è presente nella nostra vita?

Risparmio​ ​visibile, questa tipologia di risparmio è sicuramente la prima a cui pensiamo: mettere via ogni mese una parte del nostro reddito per accantonarlo in vista del futuro. Al 31 marzo 2017 sono circa 600 i miliardi di euro fermi sui conti correnti delle banche italiane, +8% rispetto al 2016 e + 30% rispetto al 2011. Migliora, quindi, la fiducia delle famiglie nel futuro, di pari passo con un leggero miglioramento del reddito familiare. Noi italiani, dunque, sappiamo essere grandi consumatori e, negli ultimi anni, anche la tecnologia ci ha dato una mano: sono centinaia ormai le app che permettono di risparmiare direttamente (con Mint impariamo a migliorare la nostra gestione del denaro) o indirettamente (The Fork, Groupon ad esempio ci fanno risparmiare spendendo meno del previsto).

Risparmio​ ​energetico ridurre i costi energetici e adottare soluzioni a basso impatto ambientale sono pratiche molto diffuse che iniziano a stare molto a cuore anche al nostro paese. Secondo i dati raccolti negli ultimi tre anni, infatti, gli italiani hanno intrapreso oltre un milione di interventi mirati al miglioramento energetico per un valore di 9.5 miliardi di euro. Nonostante le manovre finanziarie per incentivare la green economy, l’informazione necessaria è ancora
poco diffusa e sono pochi i privati davvero informati sulle grandi possibilità di risparmio esistenti. Secondo l’Osservatorio di StarOfService solo 4 italiani su 10 sono davvero informati e, di questi, meno del 50% si è attivato nell’ultimo anno per dei progetti di ristrutturazione a basso impatto ambientale con un architetto
specializzato.

Risparmio​ ​sociale, il risparmio è importante non solo per l’equilibrio famigliare ma anche per quello sociale. Viviamo in un sistema macroeconomico che risente ad ogni livello del nostro comportamento individuale. Quante volte da bambini ci siamo sentiti ripetere di rispettare le nostre cose e quelle degli altri? Bene, da
adulti, quanti si rendono conto oggi che rispettare il bene comune (strade, piante, arredi pubblici, arredi scolastici, materiale d’uso ecc) è una forma di risparmio della collettività?
Pensiamo al domani, quindi, gli strumenti che abbiamo a disposizione per il nostro futuro sono molteplici: approfittiamo di questa giornata per trovarli tutti!

Federica Maranza

Rispondi