Camera di Commercio

159 nuove imprese a Rieti. Incremento leggermente superiore alla media nazionale

Saldo positivo di 35 imprese a fronte di 159 nuove iscrizioni al Registro Imprese della Camera di Commercio di Rieti e di 124 cancellazioni avvenute tra luglio e settembre 2018, con un tasso di crescita, quindi, pari a +0,23%, leggermente superiore alla media nazionale (+0,20%) ma inferiore al tasso rilevato a livello regionale (+0,36%).

Saldo positivo di 35 imprese a fronte di 159 nuove iscrizioni al Registro Imprese della Camera di Commercio di Rieti e di 124 cancellazioni avvenute tra luglio e settembre 2018, con un tasso di crescita, quindi, pari a  +0,23%, leggermente superiore alla media nazionale (+0,20%) ma inferiore al tasso rilevato a livello regionale (+0,36%).

E’ quanto emerge, per quanto riguarda il Reatino, dai dati diffusi da UnioncamereInfoCamere sulla natalità e mortalità delle imprese italiane nel terzo trimestre 2018. Come sempre, tutti i dati sono disponibili online all’indirizzo www.infocamere.it/movimprese.

A livello nazionale è stato il Mezzogiorno a trainare la crescita del tessuto imprenditoriale del Paese  nel trimestre estivo. Tra luglio e settembre scorso i terminali delle Camere di commercio hanno registrato l’iscrizione di 64.211 nuove imprese (5.500 in meno rispetto allo stesso periodo del 2017) e 51.758 chiusure di imprese esistenti (2mila in più rispetto all’anno precedente).  Il risultato di queste due dinamiche ha consegnato a fine settembre un saldo positivo per 12.453 imprese. Quasi il 40% della crescita è dovuto alla buona performance del Mezzogiorno, dove il saldo è stato positivo per 4.763 unità. Resta in difficoltà il settore artigiano.

IL BILANCIO DEI TERRITORI

Nonostante i valori complessivi molto contenuti, il saldo trimestrale fa registrare bilanci positivi in tutte le macro-ripartizioni e in tutte le regioni. Il 38,2% dell’intero saldo (4.763 imprese su 12.453) è localizzato nel Mezzogiorno che però, fra tutte le marco-aree, è anche quella che fa segnare la frenata più vistosa del tasso di crescita (-0,2%). Tra le regioni a primeggiare è il Lazio (+2.364), seguito da Lombardia (+1.965) e Campania (+1.668). Rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, le uniche a segnare un lieve miglioramento – anche se di poco – sono state Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Per tutte le altre, la scorsa estate non sarà da ricordare.

IL BILANCIO DEI SETTORI

A livello aggregato, nessun settore mostra saldi negativi mentre, guardando alle singole attività il bilancio estivo mostra segnali di arretramento in alcuni comparti. A guadagnare di più, rispetto al dato di giugno, sono state le attività di alloggio e ristorazione (+3.337 imprese), i servizi di ristorazione (+2.453), le attività professionali, scientifiche e tecniche (+1.469) e il noleggio e servizi alle imprese (+1.384) anche se, in tutti i casi, gli aumenti sono in forte contrazione rispetto al 2017. Sul fronte opposto, a scivolare in campo negativo sono stati i settori del commercio al dettaglio di autoveicoli (-520 imprese nel trimestre), le industrie del mobile (-114) e quelle della lavorazione dei minerali (-93). Quanto all’artigianato, il bilancio del trimestre estivo (-999 imprese) segna complessivamente un peggioramento rispetto a quello, pur sempre negativo, di dodici mesi fa, quando chiuse con una perdita di 735 unità.

Forme giuridiche SOCIETA’ DI CAPITALE SOCIETA’ DI PERSONE DITTE INDIVIDUALI ALTRE FORME TOTALE
  Tasso di crescita Tasso di crescita Tasso di crescita Tasso di crescita Tasso di crescita
VITERBO 1,37% -0,15% -0,12% -0,16% 0,15%
RIETI 1,35% -0,06% -0,06% 0,10% 0,23%
ROMA 0,87% -0,29% 0,01% 0,02% 0,40%
LATINA 0,88% -0,20% -0,04% 0,40% 0,26%
FROSINONE 1,09% -0,19% -0,06% 0,34% 0,31%
LAZIO                    0,90% -0,26% -0,02% 0,08% 0,36%
ITALIA 0,83% -0,14% -0,02% 0,18% 0,20%

Serie storica degli stock, delle iscrizioni, cessazioni, saldi e tassi di crescita delle imprese nel III trimestre di ogni anno 

ANNI Iscrizioni Cessazioni (*) Saldo

trimestrale

Tasso di crescita trimestrale
2003 75.083 50.023 25.060 0,43%
2004 82.972 52.218 30.754 0,52%
2005 84.551 56.726 27.825 0,46%
2006 78.920 58.670 20.250 0,33%
2007 83.716 68.524 15.192 0,25%
2008 80.483 60.125 20.358 0,33%
2009 79.488 61.314 18.174 0,30%
2010 85.220 55.593 29.627 0,49%
2011 77.443 57.610 19.833 0,32%
2012 75.019 60.510 14.509 0,24%
2013 76.942 64.008 12.934 0,21%
2014 72.833 56.382 16.451 0,27%
2015 74.082 54.007 20.075 0,33%
2016 69.235 53.038 16.197 0,27%
2017 67.689 49.690 17.999 0,30%
2018 64.211 51.758 12.453 0,20%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 (*) al netto di quelle d’ufficio
Tab. 1 – Nati-mortalità per regioni e aree geografiche – III trimestre 2018

Totale imprese e di cui imprese artigiane

REGIONI E AREE GEOGRAFICHE VALORI ASSOLUTI

 

Iscrizioni

 

di cui artigiane Cessazioni di cui artigiane Saldo di cui artigiane Imprese registrate al 30.09.2018 di cui

artigiane

PIEMONTE 4.317 1.457 4.106 1.594 211 -137 433.842 118.366
VALLE D’AOSTA 150 49 100 38 50 11 12.434 3.649
LOMBARDIA 10.143 2.858 8.178 3.004 1.965 -146 961.552 246.671
TRENTINO – A. A. 1.119 332 837 253 282 79 109.570 25.885
VENETO 4.902 1.525 4.074 1.644 828 -119 487.408 127.669
FRIULI – V. G. 977 297 828 353 149 -56 103.217 28.268
LIGURIA 1.621 455 1.358 405 263 50 163.176 43.906
EMILIA ROMAGNA 4.612 1.600 4.141 1.741 471 -141 456.164 128.000
TOSCANA 4.397 1.300 3.749 1.500 648 -200 414.725 104.739
UMBRIA 908 223 730 247 178 -24 94.375 20.743
MARCHE 1.691 513 1.410 578 281 -65 170.654 45.228
LAZIO 7.415 1.178 5.051 1.238 2.364 -60 657.117 95.367
ABRUZZO 1.497 286 1.145 385 352 -99 148.895 30.310
MOLISE 348 80 281 78 67 2 35.513 6.556
CAMPANIA 6.613 773 4.945 851 1.668 -78 591.608 69.025
PUGLIA 4.286 799 3.124 755 1.162 44 381.157 68.181
BASILICATA 567 93 452 110 115 -17 60.337 10.308
CALABRIA 1.941 324 1.488 342 453 -18 187.092 32.945
SICILIA 5.125 1.004 4.573 1.022 552 -18 464.712 73.333
SARDEGNA 1.582 439 1.188 446 394 -7 169.594 35.264
       
NORD-OVEST       16.231 4.819      13.742 5.041 2.489 -222     1.571.004 412.592
NORD-EST       11.610 3.754        9.880 3.991 1.730 -237     1.156.359 309.822
CENTRO       14.411 3.214      10.940 3.563 3.471 -349     1.336.871 266.077
SUD E ISOLE       21.959 3.798      17.196 3.989 4.763 -191     2.038.908 325.922
ITALIA       64.211 15.585      51.758 16.584 12.453 -999     6.103.142 1.314.413

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

Tab. 2 – Nati-mortalità delle imprese per classi di natura giuridica – III trimestre 2018

FORME GIURIDICHE Iscrizioni Cessazioni Saldo trimestrale Imprese registrate al 30.09.2018 Tasso di crescita III trim 2018 Tasso di crescita III trim 2017
Società di capitali 21.145 7.098 14.047 1.701.827 0,83 0,93
Società di persone 3.414 4.777 -1.363 1.001.038 -0,14 -0,13
Ditte individuali 38.207 38.823 -616 3.189.053 -0,02 0,10
Altre forme 1.445 1.060 385 211.224 0,18 0,43
TOTALE 64.211 51.758 12.453 6.103.142 0,20 0,30

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

Tab. 3 – Nati-mortalità delle imprese per i principali settori di attività – III trimestre 2018

 

TOTALE IMPRESE

SETTORI DI ATTIVITA’ Imprese registrate al 30.09.2018 Saldo trimestrale Variazione %

III trim 2018

Variazione%

III trim 2017

Attività dei servizi alloggio e ristorazione 451.718 3.337 0,74% 0,88%
Attività professionali, scientifiche e tecniche 211.451 1.469 0,70% 0,76%
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese 200.980 1.384 0,69% 0,86%
Attivita’ immobiliari 288.712 1.206 0,42% 0,33%
Costruzioni 832.722 1.178 0,14% 0,14%
Altre attività di servizi 243.438 997 0,41% 0,42%
Servizi di informazione e comunicazione 137.188 870 0,64% 0,65%
Commercio 1.535.361 692 0,05% 0,15%
Attività finanziarie e assicurative 125.797 641 0,51% 0,53%
Agricoltura, silvicoltura pesca 751.861 589 0,08% 0,11%
Attività artistiche sportive di intrattenimento e divertim. 76.844 507 0,66% 1,04%
Sanita’ e assistenza sociale 42.991 361 0,85% 1,00%
Trasporto e magazzinaggio 168.962 291 0,17% 0,17%
Istruzione 30.597 170 0,56% 0,86%
Fornitura di energia elettrica gas vapore e aria condizionata 12.597 103 0,82% 0,96%
Attività manifatturiere 566.397 101 0,02% 0,06%
Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione rifiuti 11.694 30 0,26% 0,41%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

DI CUI IMPRESE ARTIGIANE

SETTORI DI ATTIVITA’ Imprese registrate al 30.09.2018 Saldo trimestrale Variazione %

III trim 2018

Variazione%

III trim 2017

Altre attività di servizi 186.294 366 0,20% 0,20%
Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese 53.543 261 0,49% 0,56%
Servizi di informazione e comunicazione 12.794 61 0,48% 0,57%
Agricoltura, silvicoltura pesca 9.798 17 0,17% -0,10%
Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertim. 5.859 12 0,21% 0,17%
Attivita’ immobiliari 322 8 2,55% 1,32%
Attività professionali, scientifiche e tecniche 24.340 6 0,02% 0,07%
Fornitura di energia elettrica gas vapore e aria condizionata 85 2 2,41% 0,00%
Attività finanziarie e assicurative 114 -1 -0,87% -1,71%
Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione rifiuti 2.322 -7 -0,30% -0,33%
Sanita’ e assistenza sociale 892 -7 -0,78% 1,01%
Istruzione 2.229 -8 -0,36% -0,09%
Attività dei servizi alloggio e ristorazione 48.165 -69 -0,14% 0,06%
Commercio 84.439 -104 -0,12% -0,06%
Trasporto e magazzinaggio 84.186 -263 -0,31% -0,25%
Costruzioni 495.071 -439 -0,09% -0,11%
Attività manifatturiere 302.136 -831 -0,27% -0,22%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

Rispondi